Sul passato tragico

Sicuramente qualcuno si ricorderà che quando ho scritto Sui personaggi mi sono chiesta quanto avessi fatto bene a dare uno spazio moderato alla trattazione del loro background e degli abusi che potrebbero esserci stati. Obviously, i concetti erano tanti e dovevo provare a essere chiara riassumendo il più possibile, ma ho promesso di recuperare in un altro articolo. E proprio mentre mi chiedevo da dove partire per affrontare la questione, mi sono ricordata di Springhole.net. Cosa ancora più importante, ho trovato questo post, che finalmente vi traduco perché penso che sia un ottimo modo di sintetizzare il concetto. E una volta che l'avrò tradotto, vi lascio qualche link di siti di associazioni e blog che si sono occupati di varie forme di violenza perché riusciate a fare quello che tutti i bravi scrittori dovrebbero fare: informarvi tentando di essere rispettosi, cauti e sensibili nel trattare determinati argomenti

Premesse prima di iniziare:

1) Le immagini riportate qui sotto non appartengono all'articolo che sto per tradurre, le ho trovate io tramite un motore di ricerca.
2) Se volete che traduca qualche altro articolo correlato sono disponibile. 
3) Se volete Criticare, Consigliare e Commentare siete i benvenuti. 

Continua a leggere

Music Time! (Parte 2, Smooth McGroove)

NOTA: Ringraziamento speciale a Beevean, senza la quale questo intervento farebbe schifissimo.

Le cover, specialmente quelle di musiche e non di canzoni, per quanto richiedano meno fantasia di un vero e proprio remix, sono sempre interessanti. C'è un certo fascino nel sentire una musica suonata da mani diverse, con strumenti diversi, che a volte possono essere più fitting degli originali. (L'esempio più pratico che mi venga in mente è una cover di Lux Aeterna dove gli archi venivano sostituiti da una chitarra…)

Richiedono comunque una personale interpretazione della musica scelta, una discreta preparazione per quanto riguarda il lato tecnico della creazione artistica, una buona dose di originalità per catturare gli ascoltatori. C'è gente che considera l'originalità in questo campo strettamente legata agli strumenti da usare; e non ha tutti i torti, considerando che gli strumenti sono fondamentali per determinare lo stile e l'atmosfera. 

Ma se ci si spingesse oltre? Se si usasse uno strumento meno considerato – la voce?

E' qui che entra in scena il capellone barbuto che sto per presentarvi — lo stesso che è stato scambiato per Gesù da un utente di YouTube che poi si è vergognato tantissimo dell'errore, ma che ha ammesso fosse dovuto all'essersi appassionato da morire al suo canale. 

Smooth McGroove: chi è costui?

Continua a leggere

Appunti sui personaggi di NCAF

Come promesso, ho intenzione di condividere i miei appunti sui personaggi. Premessa necessaria prima di cominciare: ho messo i concetti in ordine più che potevo, I swear :( Il punto è che ho un sacco di documenti Zibaldone, in cui certe cose sono sparse, dunque è stato già un miracolo ritrovarle quasi tutte. Spero in ogni caso che vi sia comprensibile e piacevole da leggere. 

Disegni (cliccare per ingrandire)

Continua a leggere

Q & A (Questions and Answers) di NCAF (“Non credere alla finzione”)

*Fissa titolo* … Oggi mi piacciono le sigle.

Come ti è venuta l’idea?
Come avviene per la maggior parte degli scrittori: dal nulla. Un giorno che stavo tornando a casa da Sant’Agata sui Due Golfi, ho visto un campo con una casetta abbandonata sullo sfondo. Era separato dalla strada da del filo spinato. Per quanto strano possa sembrare, mi è balzato in testa che stesse lì apposta… nel senso, che tracciasse un limite da non oltrepassare. E fissandolo mi è venuta l’idea di due ragazzi che devono sconfiggere i loro demoni e scoprire se stessi, ma questo processo diventa pericoloso e travagliato perché vivono in una comunità molto chiusa. La relazione BDSM è venuta quasi subito dopo.

Perché proprio una storia d’amore BDSM?
Ci sarebbero molti motivi. Perché è un tema poco trattato e difficile da accettare o tollerare per la maggioranza, quindi poteva essere originale. Perché a mio avviso innamorarsi è una crescita, e la mia è quella che in inglese viene definita una Coming of Age Story. Perché l’amore ti rende forte e vulnerabile al contempo, ed è un riflesso della forza e della vulnerabilità dei protagonisti, soprattutto di Angela. Perché l’esplorazione del dolore ha radici religiose, ed era coerente con la mentalità degli acquararesi, specie quella di Nina.

Hai sempre avuto in mente il tema del diverso?
Mmh… In un certo senso era implicito nell’idea di partenza, visto che i gusti sessuali dei protagonisti sarebbero andati inevitabilmente a cozzare contro i pregiudizi del loro ambiente. Però non è che il mio primo pensiero sia stato “okay, adesso scrivo una storia per spiegare alla gente che il BDSM non è una cosa che fanno solo i pervertiti.” È venuta prima la trama. Ma nel messaggio credo fermamente, anche perché sono parecchio sensibile verso la discriminazione.

Qual è il significato del titolo?
“Non credere alla finzione” può essere inteso sia come “non confondere i giochi di ruolo con la violenza reale”, sia, in senso più ampio, come “guarda oltre le apparenze, non essere ipocrita.”

Continua a leggere