Che genere di problemi?

Mentre l'Italia è in subbuglio tra il Family Day, il ddl Cirinnà, la stepchild adoption e l'annientamento di alcuni diritti umani a suon di "L'omosessualità è stata diffusa dalle case farmaceutiche per far scomparire la razza umana e farci comprare i loro prodotti" (sì, sono state pronunciate stronzate simili, andate su YouTube a sentire i partecipanti se non mi credete), ho trovato il tempo di interrogarmi su una cosa che in questa "fase delicata della società" calza a pennello.

Checco Zalone ha detto in un'intervista riportata su Gay.it (e da un sacco di altri siti): "Al giorno d'oggi va tanto di moda dire che con dei figli gay non ci sarebbero problemi. Invece ci sarebbero, quello che conta è parlarne e affrontarli." (Non voglio entrare nello specifico delle polemiche che le sue affermazioni hanno sollevato, mi voglio concentrare solo sul concetto in sé)

Il mio primo pensiero (sarcastico, ironico e un po' scocciato) è stato: "E' probabile che sia io ad essere idiota, allora, perché penso che per me non ci sarebbero problemi ad avere dei figli omosessuali o di qualsiasi altro orientamento sessuale, finché sono felici e non fanno del male a nessun*."

Poi, parlando con chi di dovere (qualche anima su Facebook che ha avuto il tempo di compenetrarsi meglio di me nei genitori "addolorati" per i propri figli gay), ho cominciato a farmi un'idea più completa. Al di là di quelli che non si staccano da una visione delle cose prettamente cristiana e bigotta, e vedono l'omosessualità come una disgrazia "contronatura" che va contro la volontà divina, c'è chi la vede come un problema perché…

"Perché non diventeremo mai nonni",
"Perché non si sposerà mai",
"Perché soffrirà tante di quelle discriminazioni che verrà su con dei traumi",
"Perché nel mondo in cui viviamo l'omosessualità arreca sempre dolore e sfortuna".

Le prime due sono così superficiali che non meritano neppure che mi ci scervelli oltre (tolto il fatto che non sempre sono vere, con la fecondazione assistita, l'adozione, la bi/pansessualità e l'opportunità di avere partner omosessuali transgender), ma sulle altre due, mi dispiace vedere che ancora così tante persone confondono i problemi arrecati dall'omofobia con i problemi arrecati dall'omosessualità. Diciamo che il punto focale qui è che per tanti genitori essere gay è andare contro la norma, il modello di comportamento affettivo, sessuale e familiare imposto socialmente (e la società non è un'idea astratta che fa da supervisore onnisciente, un po' come Dio, ma un insieme di persone che possono sbagliare ed avere scarsa apertura mentale e voglia di imparare), mentre essere eterosessuali è la norma e non includerà alcun problema.

E già qui ci sarebbe da discutere: dove sta scritto che l'unico gruppo oppresso al mondo sia il popolo LGBT?? Essere etero non garantisce l'esenzione da bullismo, discriminazione, emarginazione e violenza, per altre motivazioni rispetto al tuo orientamento sessuale, ma non per questo meno significative. Vogliamo parlare di quelle persone eterosessuali che hanno un'espressione di genere "non conforme" (ad esempio essere troppo dei "maschiacci" per le ragazze o troppo "femminucce" per i ragazzi) e che vengono scambiate per gay, e quindi qualche rigurgito di omofobia se lo beccano? O di chi è eterosessuale e transgender? Chi ha una malattia mentale? O una qualche disabilità fisica? Chi è figli* di immigrati e deve fare da equilibrista tra due culture col rischio di essere additat* sempre come "divers*"? Chi ha la pelle scura? Chi è in sovrappeso? Chi ha una religione non molto "tradizionale" in Italia, o nessuna religione? Chi ha problemi comportamentali, difetti di pronuncia, disagi sociali, difficoltà economiche? L'idea che una persona eterosessuale se la passi automaticamente meglio è un'utopia perché nessun essere umano è definito solo da un lato di sé, e i lati di noi che alla società potrebbero non andare bene sono molteplici, e qualsiasi essere umano prima o poi dovrà scendere a patti con l'essere se stesso e sperimentare un senso di esclusione dalla maggioranza, o reprimersi e sperimentare un senso di esclusione dal suo vero sé.

Queste non sono "sfide omosessuali", sono sfide umane. E prerogative umane.

E qui mi vorrei riallacciare a quei genitori che pensano che avere figli gay sia un problema. Mi verrebbe da domandare, con tutto il rispetto che riesco ad avere per il difficilissimo mestiere di essere genitori, che cavolo sono diventati genitori a fare, se non avevano la consapevolezza che i figli non vengono al mondo per fare quello che i loro parenti preferiscono e per seguire un sentiero già tracciato, ma per trovare il proprio sentiero e il proprio modo di essere unici. Credo che l'idea che dei figli potrebbero non venire su come li avresti voluti o come credevi che sarebbero stati sia il rischio intrinseco di diventare genitrice o genitore, e che non sia neppure così difficile da capire come concetto. Ma è anche il bello per chi ne vuole (di figli): che generare degli altri ESSERI UMANI (e non le tue fotocopie solo perché posseggono i tuoi geni o perché li hai cresciuti tu) ti spingerà sempre oltre i limiti della tua comprensione, ti farà indagare sulla natura umana e sulla natura stessa come mai avresti creduto di fare in precedenza, ti cambierà la vita a 360° ed eventualmente ti farà capire delle cose in più su chi sei. O su chi siamo.

Noi, tutti, qui, che cerchiamo la nostra strada e un'impronta da lasciare al mondo.

Perché anche se penso che i genitori siano fondamentali per insegnare ciò che conta ai figli, sono anche convinta che i figli possano insegnare (e insegnino) moltissimo ai genitori.

E questa è solo una piccola riflessione in seconda serata che mi sembrava adatta pure per il mio blog. :) Buon anno a chi mi legge, ragazz*!