Perché è fantastico uscire con una persona che ama leggere?

Sono incappata in questo articolo per puro caso, ma quando l'ho letto l'ho trovato divertente e interessante, e penso che sotto certi aspetti dica grandi verità per alcune persone. :) Quindi ho deciso di tradurlo per il mio blog e metterlo a disposizione di chi non mastica l'inglese. Come al solito, se volete sfoderare le tre C (Criticare, Consigliare e Commentare) mi farete un grandissimo favore. E le immagini le ho trovate io grazie a un motore di ricerca, non sono presenti nell'articolo originale, che potete leggere qui.


15 MOTIVAZIONI PER CUI E' FANTASTICO USCIRE CON UNA PERSONA CHE AMA LEGGERE

Sarete sempre il secondo amore della loro vita, e ogni tanto potrebbero dimenticarsi di voi perché sono troppo concentrate sulla loro lettura, ma è proprio questo che rende le persone che amano leggere adorabili. Cosa c'è di fantastico in loro? Leggete per scoprirlo!

1. C'è sempre qualcosa di cui parlare.

Sapevate che secondo una stima di Google di cinque anni fa al mondo ci sono all'incirca 129.864.880 libri in totale? E la conversazione è già cominciata!

2. Puoi "conoscerli meglio" tra i loro scaffali.

Si dice che i libri forgino la mente dei lettori. Date uno sguardo alla loro libreria e scoprirete molto più dei loro gusti. E non è neppure un brutto posto per iniziare a pomiciare!

3. Non avranno mai bisogno di attenzioni smisurate.

Divertitevi con i vostri amici, lui o lei ha già un libro pronto più tardi. Accogliete nella vostra vita i bei momenti insieme e gli spazi personali!

4. Hanno tanta pazienza.

Il/la vostr* partner è stat* paziente quando Harry è andato contro le persone che amava; e non si è arrabbiat* neppure con la signora Dalloway! Fidatevi, la pazienza non è in discussione.

5. L'empatia è il loro punto di forza.

Chi ama leggere è grandios* nel mettersi nei panni degli altri. E vi dirò di più, è il loro hobby preferito. Avrete sempre una persona a cui raccontare le vostre preoccupazioni.

6. Il/la vostr* partner vi aprirà un intero nuovo mondo.

Due lettori e due lettrici non sono mai identici o identiche. Quindi, anche se foste avidi lettori voi stessi, lui o lei vi aprirà un nuovo angolo di cose che non avevate idea esistesse.

7. Uscirete con una persona di sostanza.

Basta con gli ex fidanzati e le ex fidanzate superficiali! Una persona che ama leggere è incline a sviluppare una saggezza che va al di là dei suoi anni, grazie a tutta l'esperienza che acquisisce attraverso i personaggi di fantasia.

8. E' facile renderli felici.

Dovete fargli un regalo? Andate alla libreria più vicina e comprate un libro. Anche una gift card andrà benone. Zero fatica!

9. Non sono inclini a giudicare gli altri.

I libri aprono finestre sull'anima, a chi ama leggere di sicuro ci si è affacciat*. I tanti, moltissimi personaggi di cui legge e la loro complessità spingono costantemente il/la vostr* partner oltre i limiti della sua comprensione del mondo. I giudizi non trovano spazio nel mondo di un lettore o di una lettrice.

10. Nutriranno la vostra immaginazione.

Il/la vostr* partner che ama leggere prenderà i vostri sogni più selvaggi, le vostre fantasie più bizzarre e ci aggiungerà sostanza. Preparatevi a sognare in grande!

11. Un* partner che legge libri di valore vi renderà più svegli.

Le loro conversazioni sono piene di riferimenti alle loro letture, e potrebbero parlare all'infinito dei loro libri e autori preferiti! Potreste non aver mai letto i loro libri, ma senza dubbio sarete più informati sul mondo di prima.

12. Sono bravi ad ascoltare.

Ammettiamolo, trascorrono ore sui libri ad attendere con pazienza che l'intreccio delle storie si dipani. La loro concentrazione e la loro pazienza si trasferiscono anche nelle storie d'amore! Lui o lei saprà sempre come renderti incline a raccontargli o raccontarle le cose.

13. Hanno classe.

Anni e anni a coltivare i loro gusti in fatto di lettura hanno fornito loro un gusto meravigliosamente sviluppato per altre cose. Guardate ad esempio come ci sta bene quel libro in quell'angolo della loro stanza!

14. Sanno mantenere un segreto.

Avevano sempre saputo quello che sarebbe capitato in "Games of Thrones" (beh, per lo meno sapevano parecchie cose) e non vi hanno mai fatto spoiler. Questo cosa vi dice delle loro abilità di mantenere un segreto?

15. Avrete accesso alla loro collezione personale!

Questa è forse la parte più importante e migliore di uscire con una persona che ama leggere. Avete accesso alla loro libreria!

Alle sei del pomeriggio

Quanti di voi seguono il mio blog da diverso tempo e si ricordano di "Non credere alla finzione", il mio primo romanzo pubblicato online con licenza Creative Commons 3.0, la stessa di tutto il blog?
Vi ricorderete che all'epoca ho scritto che 
i personaggi secondari nel racconto ufficiale hanno troppo poco spazio e mostrano solo il peggio di sé, e che avrei voluto scrivere — e avevo in cantiere — una serie di one shot su di essi nella speranza di reintegrarne in minima parte la reputazione e mostrare quello che in screen non si vede, ossia un briciolo di introspezione che li renda più gradevoli.
Perciò oggi ho deciso di pubblicarne una su… Nina!
Come al solito, qualsiasi commento su questa mia piccola opera è ben accetto, purché rispettiate il Regolamento, che vi invito a leggere.
Detto questo, mi ritiro in un angolino e vi faccio leggere. Buona lettura!


Le sei del pomeriggio
(Nina) 

  Alle sei del pomeriggio, Acquarara si svuotava.
  I pullman dei turisti ripartivano per Sorrento sollevando una nuvola di polvere, le madri richiamavano i ragazzini che giocavano a pallone in piazza, i negozianti chiudevano bottega. Si rintanavano tutti nell’ombra delle loro case dai muri bianchi, per preparasi a consumare la cena, guardare la televisione, risolvere cruciverba, sferruzzare. E poi scegliere se andare a dormire alle nove e mezza o ritrovarsi di nuovo in piazza a parlare, o meglio, spettegolare del più e del meno. 
  Come se la loro vita fosse già finita, pensò Nina Salti con disprezzo, mentre tirava giù la saracinesca della sua tabaccheria. Rimase per un attimo piegata in due, gli occhi serrati, la bocca contratta; aveva sentito un’altra fitta alla schiena. Ma durò poco, quella volta, fu a malapena un’onda. Sospirando, la donna si raddrizzò, si lasciò scivolare il mazzo di chiavi nella tasca della gonna e si avviò giù per la strada silenziosa, dove l’oscurità ti avviluppava alla stregua del cappuccio di un impiccato.  
  Certo, c’era stato un tempo in cui queste cose non le sembravano così intollerabili. Un tempo in cui percorreva quella strada senza badare al silenzio, perché era troppo impegnata ad ascoltare i discorsi di Qualcun Altro. Un tempo in cui quasi non vedeva l’ora di tornare a casa a cucinare, e qualunque cosa avesse fatto quella sera le sarebbe andata a genio. Quando era sposata con Luigi.
  La madre di Alessandro svoltò a destra, nel vicoletto semibuio che conduceva alla piazza. Alcuni piccioni becchettavano avanzi di salatini accanto al bidone della spazzatura. Li sorpassò, continuando a ricordare Luigi.
  Lei aveva sempre avuto una cotta per lui, da ragazzina. Non l’aveva confessato a nessuno, ma quando lui era partito per Roma, intenzionato a diventare un fuoriclasse nello sport, Nina si era sentita abbandonata come se fossero davvero fidanzati. Eppure non si era mai illusa; si diceva che erano troppo diversi. Lui così gioviale, aggressivo, scanzonato, il migliore in tutto… e lei così insignificante, taciturna, bruttina, brava solo nelle faccende pratiche e quotidiane. Moriva dall’invidia nel vedere le sue conoscenti comprare capi d’abbigliamento pregiati, e poi riversare gli occhi su di sé, sciatta e vestita di lana e cotone, perché sua madre aveva l’ossessione per il risparmio. Giovanna Raggia non avrebbe mai attratto un uomo, questa era stata la martellante certezza della sua gioventù; meno che mai il grande Luigi Salti.
  E invece… Dio le aveva concesso un miracolo, nel settembre del 1984.
  Luigi Salti era tornato dalla Capitale, riluttante ma con l’aria di essersela spassata quanto bastava, e aveva pensato di “ritirarsi a vita tranquilla, sistemarsi”, ora che aveva provato sulla sua pelle quanto fastidio gli suscitasse la corruzione degli arbitri e degli allenatori.
  Il fantasma di un sorriso increspò le labbra della Nina del presente. Che cosa avrà trovato in me?, si chiese per l’ennesima volta dopo anni, mentre sorpassava la macelleria di Don Gioacchino.
  Forse la cosa fondamentale era che Nina aveva saputo ascoltarlo. Appena lui le parlava era attenta, muta, seria come non era capace di essere con nessun altro; lasciava che le sue confidenze la riempissero laddove c’era un enorme vuoto interiore. Luigi era il suo tramite con il mondo di fuori, era un uomo vero che a poco a poco si era affezionato a lei. Nei momenti migliori del loro matrimonio, Nina lo aveva considerato un prodigio vivente.
  La donna rischiò di inciampare in una buca del selciato. Si sorresse alle sbarre di un cancelletto, sentendo una nuova fitta di dolore – Luigi non aveva mai avuto dolori alle giunture per il troppo poco movimento, no affatto – e tremò appena quando una raffica astiosa di vento la colpì in pieno petto.
  C’era vento anche il giorno in cui suo marito era uscito di casa per la solita corsa mattutina, e le era stato portato via all’improvviso, senza motivo, se non quello di un arresto cardiaco.
  Quanto si era sentita disperata e spenta e smorta allora, con due figli a carico, di cui uno che si era rivelato una delusione perenne?
  Alessandro.
  Nina rabbrividì di stizza, si staccò dal cancelletto e continuò a camminare con rinnovata energia. Alessandro, così amorfo, grasso, insignificante. Un alienato, un disastro negli sport, il peggiore in tutto. Ma quel pomeriggio lei gliele aveva suonate di santa ragione, oh sì. Un altro quattro in italiano – e dire che blaterava tanto di voler fare lo scrittore! – e un’altra delusione.
  Calciò via una lattina vuota che le si parava sulla strada.
  Non era solo Acquarara a svuotarsi alle sei del pomeriggio. Anche Nina Salti lo faceva, tirando le somme della sua semivita.  

Recensione | Film | Molto forte, incredibilmente vicino

Titolo originale: Extremely loud and incredibly close
Titolo italiano: Molto forte, incredibilmente vicino
Regista: Stephen Daldry
Interpreti: Thomas Horn, Tom Hanks, Sandra Bullock, Max von Sydow
Anno: 2011
Sceneggiatura: Eric Roth
Soggetto: Tratto dal romanzo omonimo di Jonathan Safran Foer
Lingua originale: Inglese
Genere: Drammatico, Coming of Age, storico
Musiche: Alexandre Desplat
Fotografia: 
Chris Menges
Casa di produzione: Warner & Bros., Paramount Pictures

Ho scritto questa recensione diversi mesi fa per Geekjake, e ho deciso di pubblicarla anche qui, soprattutto per domani…

Buongiorno!

Come promesso, eccoti le mie impressioni su “Molto forte, incredibilmente vicino” di Stephen Daldry. Ti avevo menzionato che il film mi era risultato neutrale, nonostante io abbia scoperto girando la rete per avere altre informazioni che la maggior parte della gente ha avuto reazioni forti, sia di disprezzo (“E’ un film che cerca a tutti i costi di strapparti una lacrima, se non ti piace Oskar non ti piacerà affatto mentre il libro dava spazio anche ad altri personaggi, Stephen Daldry si è venduto agli americani mentre con Billy Elliot aveva fatto un film di valore, è una favoletta post 11 settembre!”) sia di lode (“E’ fedelissimo al libro, è un ritratto realistico di un ragazzino con la sindrome di Asperger, e quando mai sarebbe una favoletta post 11 settembre? Il regista e gli attori hanno parlato con le famiglie delle vittime per rappresentare in maniera accurata il loro dolore, ed esattamente come in Billy Elliot il protagonista deve lavorare per avere il suo lieto fine!”). In effetti non è la prima volta che un film osannato o criticato aspramente mi risulta neutrale: mi è successo con dei veri e propri cult che erano particolarmente controversi in vita mia, e ogni tanto mi sono risultati addirittura semi indifferenti. Se la prendi nel verso buono, può darsi che con l’andare del tempo “Molto forte, incredibilmente vicino” diventerà un cult cinematografico Emoticon wink😉

Stando seri, il film non mi è risultato indifferente. Diciamo che la mia opinione nel complesso è che sia un film con delle premesse eccellenti:

– Parla di una delle vicende che hanno sconvolto di più l’umanità nel terzo millennio, e il fatto che sia accaduta più di dieci anni fa ti induce delle riflessioni sul tempo che passa, su quanti passi avanti (o indietro) abbiamo fatto da allora in materia di diritti umani, dignità e così via… e lo fa concentrandosi sul dopo, sulle vicende private delle famiglie di quelli che sono morti, invece di spettacolarizzare una tragedia come hanno fatto altri film, istigare all’islamofobia e celebrare l’America.

– E dal momento che si concentra su un microlivello di conflitto, sulla sfera privata, sulla vita di un singolo individuo e di quelli che lo circondano, il mio interesse non può che accendersi (io preferisco le storie dove il conflitto è più interiore che esteriore, e dove i personaggi sono complessi e sfaccettati, mentre molto spesso posso passare sopra ad una trama banale e sfilacciata). Non fa che ricordarmi che nel corso della storia accanto a eventi di portata macroscopica che studiamo nei libri ci sono state persone comuni che l’hanno vissuta sulla propria pelle, che c’erano dentro, e mi fa sentire molto più connessa al genere umano.

– Se poi ci aggiungiamo le tematiche che il film affronta, come il fatto che sia un Coming of Age, che esplori molto a fondo il mondo interiore di un personaggio, che il personaggio in questione viva un conflitto dilaniante, che sia molto improntato sulle relazioni umane, che faccia informazione su come vede il mondo un ragazzo con l’AS, che ci sia una ricerca da portare a termine per trovare se stessi o la persona che abbiamo perso o una persona che ci stava cercando per tutto il tempo, il mio interesse sale parecchio.

Quindi, quello che non me l’ha fatto apprezzare in maniera esponenziale non è di *cosa* parla, ma di *come* ne parla. Cominciamo dal principio.

Devo ammettere che se non avessi letto che il film era di Stephen Daldry non l’avrei riconosciuto. Non ho visto nessuna traccia della sua personalità, nessun guizzo di britannicità, come se il materiale narrato non gli appartenesse fino in fondo (cosa che in effetti è probabile). Sento che lui ha rispetto per la storia, ma che non la capisce completamente perché non l’ha sperimentata – o forse è stato lavorare con gli americani su qualcosa che ha colpito al cuore gli americani che lo ha un po’ frenato dall’aggiungere “quel qualcosa in più” che mi facesse capire che è lui che lo sta vivendo assieme a Oskar (ossia la colonna portante del film). Non che il suo stile di regia sia stato pessimo, chiariamoci: è semplicemente strano sapere che è un film diretto da lui. Lo stile di regia lo definirei “classico”, con molti primi piani (essenziali quando dobbiamo seguire lo sguardo e i pensieri di un personaggio in particolare), inquadrature dall’alto, alcuni flashback che non hanno nulla di intrusivo o di fuori luogo ma si inseriscono con cura nella pellicola, una certa eleganza nel montaggio, un ritmo né troppo veloce né troppo lento. È uno stile di regia che accosterei a Jonathan Demme o a Frank Darabont.

Anche la musica la definirei “classica”, negli strumenti come nel leitmotiv. Proprio per questo, tuttavia, posso dire che sia uno stile gradevole, che apprezzo, ma non che sia uno stile memorabile che ha lasciato il segno dentro di me. E anche la musica, è bella da sentire ed è molto appropriata al film, delicata e raffinata quanto basta, ma una volta finito di vedere “Molto forte, incredibilmente vicino” non mi ricordo una nota che sia una. Va bene, sto mentendo, il leitmotiv me lo ricordo, ma solo perché l’ho ascoltato poco fa Emoticon tongue :p

Quindi la mia opinione sullo stile è che sia quello classico da film occidentale, soprattutto dei Paesi anglosassoni. Ci possono venire su dei capolavori con quello stile, ma se non ci sei dentro e non ci sai fare al mille per mille verrà fuori uno stile bello e già conosciuto, amen.

Andando avanti, veniamo al fulcro del film: i personaggi.

Nessuna delle recensioni che ho letto, neppure quelle che hanno considerato il film una schifezza, ha avuto il coraggio di fiatare sulla bravura di Thomas Horn, e io mi aggrego al coro: è un attore molto espressivo, fotogenico, serio, introspettivo, che si inserisce bene in una scena e penso che sia arrivato al cuore del suo personaggio – chissà se per un’affinità con la sua indole o per talento recitativo. Insomma, credo che calzi a pennello per il personaggio di Oskar. Su Oskar invece… ti confesso che la prima volta che ho visto questo film la mia reazione è stata mista. Neppure io approvavo certi suoi scoppi di ira, ma intuivo la sua sofferenza e anche se non lo giustificavo tentavo di capirlo. Studiandomelo meglio le volte successive, alla luce di quel poco che so sulla sindrome di Asperger e cercando dei punti in comune con me stessa, ho cominciato a capirlo un pochino. Invece di vederlo come egoista e anaffettivo, l’ho visto come riservato, tormentato e pieno di amore verso i suoi genitori, anche se con problemi a dimostrarlo – ma non mancano i suoi momenti di tatto e dolcezza, come quando chiede a Abby che ha appena divorziato se può darle un bacio o se il marito di Abby che ricorda il padre morto abbia bisogno di un abbraccio. Mi sono accorta appieno della sua intelligenza, del suo modo straordinario di risolvere un problema, e del suo coraggio su cui ruota tutto il suo percorso di crescita individuale. È il coraggio di voler elaborare il lutto che lo spinge fuori di casa, anche se sempre accompagnato dal suo tamburello perché lo placa, che lo spinge a prendere i mezzi pubblici e la metropolitana, che lo spinge a guardare e ascoltare alcune persone. È il coraggio di sapere che non deve smettere di cercare che lo porta a provare l’esistenza del sesto distretto e a salire sulla stessa altalena su cui era salito il padre, fino a volare e a immaginare che il padre non sia mai caduto da un grattacielo ma sia tornato al suo posto (come nella bellissima scena finale, in cui davvero ogni cosa torna a posto). Dopo aver parlato con il marito di Abby, quando corre per strada e una volta a casa si mette a stracciare la sua mappa, ho provato molta solidarietà per lui e molta vicinanza. Nelle altre scene sostanzialmente è un personaggio che stimo a distanza, del quale condivido alcune paure e alcune difficoltà ma di cui non posso capire del tutto la mente, troppo rigida e matematica rispetto alla mia (emblematica è la scena in cui dopo aver calcolato quanti minuti avrebbe dovuto passare assieme ai vari Black specifica che non erano mai quanti si aspettava lui, e dice con un po’ di rancore che le persone non sono numeri, ma lettere; la mia reazione è stata “Grazie alla minchia, ti aspettavi davvero di poter prevedere tutto quanto, anche i minuti che avresti passato con ogni singol* Black? Meno male che le persone non sono così fredde e prive di vita”).

Riguardo agli altri personaggi, ogni tanto mi domando come mai alcuni registi prendono attori famosi abituati a interpretare i protagonisti quando tutto il film si deve reggere su un unico personaggio, e quegli attori finiscono ad essere personaggi minori o comparse. Può darsi che sia una crescita per loro, che per lo meno così agli spettatori e alle spettatrici sia garantito che avranno un cast eccellente, ma molto spesso li trovo sprecati.

Chi se la cava meglio qui è Tom Hanks, che ha il calore, l’affetto, la solidità e la protezione necessaria verso Oskar per farmelo amare e per farmi capire che ha perso una figura paterna eccezionale. Apprezzo il modo in cui si apra tanto con Oskar, come non lo tratti mai con un atteggiamento da “tu sei un bambino”, come allo stesso tempo vegli su di lui, come lo aiuti a interagire con le altre persone organizzando le spedizioni esplorative. Probabilmente è stato bravissimo a conciliare l’intelligenza di Oskar, la sua curiosità e vari tratti della sua personalità per farlo aprire verso il mondo esterno, e fargli pensare (per lo meno fino alla sua morte) che anche se deve superare degli ostacoli è tutto programmato, e che lui non lo perderà di vista un secondo. Ed è ammirevole che, dopo essere stato abbandonato dal padre, abbia deciso di diventare per Oskar il padre che lui non ha avuto.

Viceversa Kate Beckinsale non mi ha colpito; il suo personaggio si può riassumere principalmente come una donna distrutta dal dolore, e quella la interpreta bene. Negli altri momenti in cui avrebbe potuto dare più profondità al suo personaggio, come quando è una moglie devota o preoccupata o deve dimostrare a Oskar che veglia su di lui esattamente come faceva il padre, è anonima. La mia solidarietà verso di lei nasce dal fatto che trovo Oskar troppo duro nei suoi confronti nella scena in cui si mette a urlare perché vuole essere seppellito in un mausoleo e la rabbia e il dolore montano finché non le dice che avrebbe preferito che nel grattacielo ci fosse stata lei. Lì la prima volta mi è venuto da urlare “Ma cosa credi, di soffrire solo tu?”, la seconda mi sono accorta di più sfaccettature nella reazione di Oskar, di come le si avvicini verso la fine, di come anche se non apertamente soffra perché lei non lo sa prendere come suo marito. Anche se alla fine lei lo sorprende.

Max von Sydow ha dichiarato che alla sua età è stata una sfida recitare solo con gli occhi e con le mani, e Stephen Daldry si è dichiarato sicuro che, nonostante avessero tagliato tutta la parte della storia che riguardava Dresda nell’adattamento cinematografico, grazie al talento dell’attore il personaggio sarebbe stato ben reso. E invece, per quanto talentuoso sia l’attore, io non l’ho colto del tutto. Avrei voluto che fosse più approfondito, perché tutto quello che penso su di lui è che mi faccia una pena tremenda quando decide di prendere sotto la sua ala Oskar accompagnandolo nella sua spedizione esplorativa e si ritrova a convivere con un ragazzino intollerante e dittatoriale, che lo riempie di domande personali e che lo tortura facendogli sentire i messaggi del figlio morto. Capisco che anche il nonno abbia le sue colpe, e che stia cercando di riscattarsi prendendosi cura del nipote, ma Oskar si ritrova ad aver a che fare con un uomo ancora più traumatizzato e pieno di rimorsi di lui, e penso che si comporti con il nonno esattamente come non vorrebbe che gli altri si comportassero con lui, stuzzicando i suoi punti deboli e le sue ferite quando vorrebbe aiutare.

Ancora più anonima è la nonna di Oskar, sulla quale non trovo nulla da dire. Forse solo che sia molto solitaria. Anche Abby Black mi sembra anonima, esattamente come suo marito, anche se uno straccio di personalità potrei averlo intravisto, ossia quello di un uomo ben piazzato, sicuro di sé all’apparenza ma con scheletri nell’armadio e in cui non mancano momenti di fragilità, delicatezza e conflitto interiore.

Veniamo a una cosa del finale che mi ha fatto un po’ strabuzzare gli occhi: il fatto che mi sa troppo di vissero tutti felici e contenti. Voglio dire, Oskar ha finito la sua spedizione esplorativa e trova un messaggio di suo padre sull’altalena in cui si congratula con lui perché ha portato a termine con successo il suo compito ed è riuscito a provare l’esistenza del sesto distretto, anche se è passato oltre un anno da quando ce l’ha messo? Realismo, questo sconosciuto? Mi ha talmente sorpreso che sono andata a controllare a venticinque minuti, quando erano davanti all’altalena, se il padre avesse fatto un gesto in cui metteva una cosa sull’altalena non meglio specificata, ma non ho visto nulla. E anche se fossi stata distratta io e l’avessero mostrato in altri momenti del film, non riesco a non vederlo come semi impossibile. Penso che ci sarebbero stati altri modi di mostrare che Oskar non sarà mai solo e che nonostante il padre sia morto sarà sempre con lui.

Mi fa piacere che l’inquilino sia tornato grazie a Oskar, che forse abbia fatto pace con se stesso e abbia cominciato a superare lo shock, o che Abby e il marito siano di nuovo sposati, ma ho sempre l’impressione che questo particolare qui sia troppo da favoletta.

Una cosa che mi domando guardando Oskar, ma che esula da questo film e coinvolge la cinematografia di massa è una certa tendenza che ho notato quando si devono rappresentare personaggi con l’Asperger. Nel senso che, nella mia ignoranza, ho notato che al cinema c’è una certa fissità di ruoli per i personaggi così. Sembra che ad avere l’Asperger siano solo ragazzini maschi di età non superiore ai quindici anni, cissessuali, eterosessuali, magri, bianchi e con una certa propensione per l’esplorazione e il risolvere dei misteri, e l’unica variante che riesco a trovare è quella in cui il protagonista con l’Asperger è un adulto un po’ infantile, timido, impacciato e che suscita tenerezza per il suo candore. Va bene che secondo le statistiche ci sono più uomini che donne ad avere la sindrome di Asperger, ma non è che le donne e le ragazze non esistano, no? E le persone demisessuali o asessuali? Quelle che non sono WASP? E come se non bastasse, mai una volta che vedessi un personaggio così che sia nella comunità LGBT. Non voglio sminuire di una virgola il ritratto che Oskar dà dell’Asperger dato che tante persone che ce l’hanno realmente ci si sono identificate, né il suo essere un buon personaggio, e come se non bastasse so che Jonathan Safran Foer non aveva neppure pensato a renderlo autistico nel libro, ma quello che intendo io è che, per lo meno nel cinema di massa, i personaggi che ce l’hanno sono solo così. Come se non esistesse altro. E il mondo è pieno di persone con la sindrome di Asperger che sono individui unici e irripetibili, e che non possono essere ricondotte a nessun modello. Forse sono io che sono interessata a creare personaggi originali, ma mi sembra una carenza di originalità nel cinema che andrebbe colmata.

Tra gli altri pregi di questo film penso che abbia avuto il merito di connettere mentalmente tante persone diverse tra di loro. Esattamente come Oskar ha imparato a trovare una vicinanza con sua mamma, suo nonno, Abby, il marito di Abby e chiunque ha incontrato e a cui ha scritto.

Recensione | Film | Fucking Åmål

Titolo originale: Fucking Åmål
Titolo italiano:  Fucking Åmål – il coraggio di amare
Regista: Lukas Modysson 
Interpreti: Alexandra Dahlström, Rebecka Liljeberg, Mathias Rust, Erica Carlson, Stefan Hörberg, Josefine Nyberg, Axel Widegren, Ralph Carlsson, Jill Ung, Maria Hedborg
Anno: 1998
Lingua originale: Svedese 
Genere: Drammedia, Coming of Age
Sceneggiatura: Lukas Modysson, Alexandra Dahlström  
Musiche: Tomaso Albinoni, Håkan Hellström, Per Gessle
Fotografia: Ulf Brantås 
Scenografia: Heidi Saikkonen, Lina Strand
Effetti speciali: Gunnar Ahlgren 
Casa di produzione: Menfis Film 
Link che mi hanno aiutata a scrivere questa recensione: 1

Decisamente il film a tematica lesbica migliore che abbia mai visto sinora, rovinato esclusivamente dal doppiaggio italiano, che ha banalizzato i dialoghi inserendoci parolacce a caso e infantilendo le riflessioni dei personaggi in una maniera mostruosa.

La storia è presto detta, è vero (e ci sono molti punti di contatto con Get Real – un ottimo film a tematica gay): in una cittadina svedese dove per gli adolescenti non ci sono svaghi o attrazioni, la “fottuta Åmål”, vivono Elin e Agnes, due ragazze diversissime per carattere, posizione sociale, background e (all’apparenza) orientamento sessuale, ma entrambe intrappolate in una vita che non sentono come loro.

In occasione della festa di compleanno di Agnes, dove Elin è capitata per puro caso, si conoscono, si parlano e scoprono di essere più simili di quel che credevano. Vola un bacio e la promessa di telefonarsi il giorno dopo, ma le due non risolveranno la situazione e non potranno essere libere di amarsi fino alla cruciale, penultima scena nei bagni della scuola.

Pur ricalcando le convenzioni dei film adolescenziali, l’occhio di Modysson è nuovo e a mio avviso originale: lui ha uno stile di regia molto simile a quello di un documentario, fa emergere l’animo dei personaggi dai gesti più che dalle parole, e anche quando parlano di cose a prima vista banali vale la pena starli ad ascoltare. Lo stile si traduce anche in una serie di zoomate, macchine da presa che passano in modo fulmineo da un attore all’altro nella stessa inquadratura, o anche inquadrature che si susseguono incalzanti (come la scena della mensa a inizio film), e quest’ultima è forse la cosa più “convenzionale” che faccia. Eppure, malgrado lo stile tagliente, sa essere molto delicato quando si tratta di sentimenti. Sarà il suo essere stato un poeta, forse (hobby che peraltro ha trasferito ad Agnes), o sarà una profonda conoscenza dell’animo umano. Conoscenza che emerge anche dal modo in cui ha creato i suoi personaggi. So che in principio possono sembrare stereotipati e insulsi, però davvero, persino io che detesto i cliché li ho apprezzati, perché rivelano delle sorprese e le attrici principali in particolare hanno talento da vendere.

Elin è una quattordicenne popolare e capricciosa (e bionda, manco a dirlo…), eppure non è la solita Alpha Bitch perennemente vestita di rosa che non vede l’ora di ferire e umiliare la co-protagonista (una Brainy Brunette): al contrario, lei vorrebbe evolvere come persona e ha sogni di gloria (anche se a volte ha degli impulsi autodistruttivi come volersi drogare o ubriacare per evadere), scappare da una provincia che non può offrirle nulla, e il suo peggiore incubo è essere una perfetta donnina di casa. E l’evoluzione l’avrà, alla fine della storia, ricambiando la ragazza che l’ha sempre amata a distanza e lottando contro le convenzioni per affermarsi. Di conseguenza, abbandona pure senza rimpianti la popolarità che le malelingue credevano esserle indispensabile.

Agnes è più grande (ha sedici anni) e più matura, almeno dal punto di vista psicologico, preferisce esprimersi attraverso lo scritto e non ha amici –anzi, è persino vittima di bullismo. Eppure neanche lei è lo stereotipo della sfigatella buona e gentile e umile e innamorata persa tanto da farsi mettere i piedi in testa, perché non ha problemi a farsi valere se necessario (è lei che convince Elin ad uscire dal bagno nel finale) e sa essere addirittura crudele (con Viktoria) e vendicativa (con Elin quando non mantiene la promessa di chiamarla). Io ammetto di aver WTFato sia quando se la prende con Viktoria sia quando dà uno schiaffo ad Elin davanti a tutte, un po’ perché non condividevo il comportamento, un po’ perché trovarsi di fronte ad una ragazza tranquilla e solitaria che abbia delle reazioni così esplosive è una rarità nei teen movie.

Gli altri sono poco approfonditi, ma fra i giovani spiccano Jessica e Johan. Lei, la sorella maggiore di Elin, è la vera ragazza attaccatissima alle convenzioni, che cerca il Principe Azzurro dolce e sensibile ma di fatto sta con il capobranco arrogante e manesco di turno, Markus. Eppure ha anche lei i suoi conflitti interiori, dato che è sempre messa in ombra dalla sorellina quando si tratta di amicizie e ragazzi (e questa è una novità se ci pensate, di solito in fiction è la sorella minore a voler rubare la scena alla maggiore! xD) e perfino manipolata psicologicamente da Elin per ottenere ciò che Elin desidera. Lui, Johan, è l’ennesimo spasimante di Elin, che sarebbe il bravo ragazzo che si sforza di fare la cosa giusta anche se è succube del suo migliore amico. Eppure si capisce che Modysson non lo dipinge come un personaggio troppo simpatetico, visto che è uno stupido che non si accorge di quello che gli succede intorno e Elin lo affronterà di petto verso la fine, dimostrandogli che lui è debole e vigliacco.

Oh, e tra gli adulti… meh, loro non è che abbiano grande spazio sullo schermo. Ci sono Karin, la madre di Agnes, che la controlla troppo, e Brigitta, la madre di Elin e Jessica, che le controlla troppo poco (imponendo peraltro regole di cui si dimentica). E poi c’è Olof, il padre di Agnes, che si rispecchia nella figlia e in cui la figlia può rispecchiarsi. Loro, bisogna dirlo, hanno un bel rapporto, fatto di silenzi e discrezione e affetto, eppure ci sarà un momento in cui Agnes lo terrà fuori dalla sua vita, a causa del suo essere un’adolescente confusa e arrabbiata e a causa della sua omosessualità repressa, che non sa come confessargli.

Forse l’unica vera, grande pecca di “Fucking Åmål” per cui mi risulta impossibile chiudere un occhio è (SPOILERONE IN VISTA) il tentato suicidio/autolesionismo di Agnes, che sembra starsene lì solamente per aggiungere pathos e non ha alcuna ripercussione dopo.

Eppure c’è anche una grande qualità di questo film che voglio evidenziare: passa il Bechdel Test due volte (quando Elin e Jessica parlano del sogno di Elin e il dialogo tra Karin e Agnes dopo che Karin ha scoperto al computer di Agnes della sua omosessualità).

… Mi sono appena accorta di aver ripetuto “eppure” a iosa. Beh, è così che questo film ti lascia, tirando le somme: con un “eppure”. Le premesse della trama sono semplici, i personaggi nascono da stereotipi, la musica non è che si faccia notare più di tanto, le protagoniste fanno cose non condivisibili a volte, la tecnica di regia può non piacere a tutti… eppure i temi affrontati (emarginazione, crescita interiore ed esteriore, ribellione verso una vita e una sessualità imposte, conformismo VS individualismo) sono universali e non cessano di interessarmi, la recitazione è grandiosa e i personaggi non si fermano allo stereotipo, Modysson è di una delicatezza unica nella sostanza e in definitiva questo film merita una possibilità.

Mie scene preferite:
L’opening, con Agnes che scrive al computer; il secondo bacio; il dialogo sugli spalti tra Elin e Jessica; Elin che sputa dal cavalcavia; il coming out; Elin che prepara il latte al cioccolato per sé e per Agnes.

Link utili:
Fucking 
Åmål su Wikipedia
Il secondo bacio delle protagoniste in italiano
Il coming out in italiano