Non credere alla finzione

Bene! Ci siamo.

Mi sto torcendo le mani all’idea di fare un passo del genere, ma è anche uno dei motivi principali per cui ho aperto il blog, so be it.

Oggi pubblico qui l’ebook di “Non credere alla finzione”, una storia che ho scritto da diciottenne e che ho corretto per oltre due anni con l’aiuto di tre persone veramente speciali.

Qui di seguito metterò, oltre ai link dei diversi formati per scaricarlo, la trama in breve e alcune anticipazioni (potete leggerle o meno, sono un po’ spoilerose); nei mesi successivi aspettatevi la pubblicazione di materiale vario su NCAF (schede dei personaggi, Questions and Answers, retroscena di diversi tipi), perché mi piace condividere i miei appunti una volta finito di scrivere. Credo che possano essere interessanti per le persone che si sono appassionate alla storia – se ce ne saranno… ma tentar non nuoce 😉

Trama in breve:
Nello sperduto paesino di Acquarara, Angela e Alessandro, due ragazzi timidi e isolati, hanno una grande passione in comune: la scrittura. Inclusi in un concorso per giovani esordienti, si trovano in difficoltà a dover scrivere una scena di abuso; così decidono di “sperimentare” tra di loro, dando inizio ad una relazione BDSM che non solo li trasformerà in due adulti a tutti gli effetti, ma a poco a poco diventerà anche un amore sorprendente… finché i loro parenti non li scopriranno.

Scaricate la versione che preferite, ma (avvertenza) solo se andate per lo meno alle superiori; non sono tematiche facili, quelle trattate qui dentro, e ci vuole una certa preparazione mentale per affrontarle e reggerle.

 Non credere alla finzione in formato PDF. Dimensioni: 867 KB.
 Non credere alla finzione in formato ePub. Dimensioni: 426 KB. 
 Non credere alla finzione in formato Mobipocket. Dimensioni: 620 KB. 

 

“Non credere alla finzione” è stato rilasciato sotto la licenza Creative Commons 3.0 – Attribuzione: Non Commerciale – Non opere derivate. Nel caso vi interessasse saperne di più, vi lascio questo link.

NCAF include:
-Tanti dialoghi e occasioni di confronto tra i protagonisti
-Una storia d’amicizia oltreché d’amore
-Angst. Tanto angst.
-Violenza fisica (poca) e psicologica (molta)
-Differenza tra BDSM e abuso reale
-Character Development
-Scene di sesso con un perché e non inserite giusto per tenere in piedi una trama inesistente
-Eroi sfigati. In tutti i sensi.
-Genitori bigotti e rompicoglioni
-Il titolo citato varie volte nella narrazione e con un senso
-Una buona dose di "Show, don’t tell" e di considerazioni sulla tecnica narrativa da parte dei personaggi
-Molto focus sul mondo interiore dei protagonisti e molte riflessioni dei medesimi

-Un messaggio di fondo
-Una bella copertina *coff* *almeno secondo me*

NCAF NON include:
-Una trama intricatissima e complessa
-Una coppietta sdolcinata e sognante, almeno per quanto riguarda i protagonisti
-Protagonisti che ottengono tutto ciò che vogliono o quasi
-Gore
-BDSM trattato da cani e inserito solo per rendere la storia trasgressiva
-Eroi kalòs kài agathòs
-Esaltazione della violenza
-Romanticizzazione di relazioni malsane
-Tanto humour (ahimè)
-Dialoghi senza senso e non spiegati
-Purple prose
-Un’eroina debole e passiva salvata dal macho di turno
-Personaggi stereotipati ai massimi livelli
-Personaggi secondari approfonditi e relatable (doppio ahimè, qui se non vi piacciono Angela e Alessandro siete fritti) 

As a side note:
L’Epilogo di questa storia potrebbe risultarvi Anvilicious. C’è un motivo per cui è così e lo spiegherò nelle Q & A, ma davvero, se odiate le storie con una morale, STATE LONTANI da “Non credere alla finzione”. 

Ovviamente, sentitevi liberi di sfoderare le tre C (Critiche, Consigli, Commenti) con qualsiasi cosa vogliate del racconto qui sul blog o scrivendo a selvierosblog@gmail.com, purché seguiate il Regolamento.

Per il momento… Enjoy! *fa un respiro profondo, spegne il microfono e schizza a bere una camomilla* 

Condividete, se vi va: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
  • Ask
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • Twitter

6 pensieri su “Non credere alla finzione

  1. Ciao! :) So che non ci sentiamo da tanto, ma ho visto – ancora ad aprile – che hai finalmente aperto il blog e ne sono felicissima. Poi oggi ho visto che hai pubblicato Non credere alla finzione. Il momento è arrivato, eh? Grande! Spero che lo leggano tante persone. Intanto io ti ho fatto pubblicità su Facebook tra i vecchi amici dell'Anti Twilight. 😉  

  2. Ciao a te, mi fa piacerissimo risentirti! *w* Non so se hai notato, ma c'è anche un post su questo blog in cui cito direttamente il forum — in particolare un intervento del forum, "Non lasciamoci servire merda su un vassoio d'argento" 😉 Naturalmente se gli utenti della vecchia guardia si facessero sentire qui sarebbe meraviglioso :) Vi porto tutti nel cuore, e mi andrebbe davvero di condividere Non credere alla finzione e il blog stesso con voi. Nel frattempo… beh, lancio biscotti virtuali made in Ysa come da tradizione, e chiunque voglia può prenderli al volo xD 

    Postilla per rientrare un po' più in argomento: Avendo tu già letto Non credere alla finzione, ed essendoti (almeno all'epoca!) piaciuto, se vuoi scrivere due righe per esplicitare cosa ne pensi/a chi lo consiglieresti non ti trattenere u_______u 

  3. Pingback: Non credere alla finzione, analisi | selviero's blog

  4. Pingback: Storie d'amore, come scriverne? | selviero's blog

  5. Pingback: Lilja 4-ever, recensione film | selviero's blog

  6. Pingback: Recensione | Film | Due ragazze innamorate | selviero's blog

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>