Perle dei porci

"Holmes, la sua depravazione non conosce limiti?"

(John Watson nel film "Sherlock Holmes" del 2009)

 

Lo ammetto: a me piace un sacco [citazione necessaria] fasciarmi la testa prima di rompermela. 

E se anche volessimo accettare la tesi che NON mi piaccia, è la mia specialità. u_________u b

Quindi ho deciso di creare una sezione per i commenti schifosi (in kappese, caps-lockese, stupidi, inutili, volgari, offensivi, maleducati, pietosi, accusatori e quant’altro), che non cancellerò perché la censura mi infastidisce. 

Qualcuno dice che certi discorsi siano dare le perle ai porci, io dico che questo è il posto giusto per passare in rassegna le perle dai porci, e capire se davvero esista un limite alla depravazione. 

Condividete, se vi va: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
  • Ask
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • Twitter

Un pensiero su “Perle dei porci

  1. Selviero,

    alla tua domanda sul limite ti rispondo con una citazione:

    "The Difference Between Stupidity And Genius Is That Genius Has Its Limits" A. Einstein

    buona fortuna!

     

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>