Perché non sono contraria ai bagni per persone transessuali

Signore e signori, ho il blocco della scrittrice e sto cercando di farmelo passare anche a costo di essere noiosa.

Ed ecco perché oggi mi sto sedendo alla tastiera del mio computer, ignorando gli abbaiati spaccatimpani del cane e le folkloristiche esclamazioni partenopee altrettanto spaccatimpani che arrivano oltre la finestra, per partorire un nuovo articolo per il mio blog, e usando un argomento su cui penso di avere una discreta cultura: l'identità di genere, il sessismo, le discriminazioni in generale e quelle a sfondo transfobico in particolare.

Dunque! Adesso che le persone transessuali stanno ottenendo più visibilità, persino nella nostra cara penisola italiana si sta arrivando a comprendere che molte di loro vivono da sempre una serie di problemi, discriminazioni, grattacapi e frustrazioni spesso sottovalutati. E oggi vorrei parlare di uno di quelli che saltano di più all'occhio anche per un pubblico generico e ignorante: il fatto che molte di loro non abbiano la più pallida idea di dove andare in bagno quando sono fuori casa. Dal momento che su FtM Italia esiste già un ottimo articolo che ne parla, sul mio blog vorrei soltanto esporre una serie di obiezioni che ho letto e sentito sulla questione del "Perché le persone transessuali non potrebbero usare il bagno che è appropriato al loro genere?", e rispondere tramite l'opinione ragionata e digerita che mi sono creata dopo tanto tempo trascorso a frequentare la comunità transgender.

Naturalmente le critiche costruttive sono le benvenute, ma non gli insulti, le critiche non argomentate ma buttate lì solo per scrivere, le opinioni da disinformati e le obiezioni alla "Io non ho nulla contro i trans, però…" e "E' ipocrita non voler ammettere che le persone transessuali fanno X, non le discriminerei se non lo facessero ed è normale che fino ad allora reagirò ostacolandole" e "E come mai se non sei transessuale ti interessa tanto dei loro diritti?", perché queste qui non le posso prendere sul serio.


"Ma perché un gruppo di persone (in questo caso le persone transessuali) dovrebbe avere una serie di privilegi garantiti da una legge speciale tutta per loro (in questo caso una legge che consenta di usare il bagno delle donne per quelle nate uomini e il bagno degli uomini per quelli nati donne)? Se le persone transessuali vogliono pari diritti, perché chiedono un trattamento di favore?"

Poter usare il bagno giusto senza paura di essere attaccati, discriminati, picchiati, licenziati, scherniti, ridicolizzati o accusati di essere dei pervertiti esibizionisti non è volere un trattamento speciale o un privilegio. E' un diritto di tutti gli esseri umani con la fedina penale pulita.

Chi obietta così sembra partire dal presupposto che siamo già tutti alla pari, che nel mondo in cui viviamo le discriminazioni appartengano a un passato oscuro simil-medievale (e no, purtroppo non sto parlando del Medioevo descritto da Skyrim) e che se anche ci fossero tuttora sono sporadici episodi isolati che in fondo non toccano la nostra vita di tutti i giorni, e che una legge a tutela di un gruppo di persone implicitamente le renda diverse e in qualche modo "superiori". E questa non sarebbe una contraddizione interna al principio di parità di diritti, in fin dei conti?

No.

Perché se teoricamente dovremmo essere tutti alla pari sulla carta, i fatti provano che non lo siamo nella vita reale e che questo nobile concetto di non creare leggi specifiche per un gruppo di persone si potrà attuare solo quando non esisteranno più discriminazioni transfobiche. Le persone transessuali al giorno d'oggi ancora non hanno accesso a una serie di diritti che chi è cisgender ha senza colpo ferire (per approfondire ho già tradotto questo articolo in merito), e ammetterlo significa anche che, proprio in nome del principio di parità di diritti, chi di dovere ha la necessità di prendere dei provvedimenti finché un altro strato di transfobia scomparirà.

"E chi lo decide che le persone transessuali siano discriminate e che meritino una legge del genere? Io sono stato sfottuto tutta la vita perché avevo il naso aquilino, e nel mondo in cui viviamo solo i graziosi nasini all'insù sono visti come belli, quindi sono una minoranza oppressa pure io! Perché la legge per me non la fate, ipocriti?"

L'ipocrisia è non voler ammettere di essere ignoranti e fare sparate del genere. E' non voler ammettere che invece di leggere l'articolo di cui ho messo il link alla domanda precedente per farsi una cultura ce ne siamo sbattuti alla grande e crediamo che le discriminazioni transfobe abbiano lo stesso peso degli sfottò (per quanto irritanti e fonte di moltissima sofferenza per un singolo individuo) per il naso aquilino. E' non avere avuto l'accortezza di leggere anche questo articolo (chissà se adesso avrà qualche click, in fondo leggere è noioso e faticoso, ed è molto più facile sparare a zero solo per il gusto di dire "io esisto e ho un'opinione che va rispettata e se non lo fate gli stronzi intolleranti siete voi") per capire che l'oppressione di una minoranza non è la stessa cosa.

"Anch'io appartengo a una minoranza discriminata, sono disabile/musulmana/nero/asiatica/omosessuale/ebreo/italiano di origini straniere/indigente/con un disturbo psicologico/donna/grasso/meridionale/lavoratore sfruttato/in un'età su cui ci sono un sacco di stereotipi, eppure a quanto pare merito di soffrire perché dell'oppressione verso di me non vi interessa, vero? Perché parlate di transessuali ma non di me?!?"

Invece io ne parlo. Forse non con l'intensità, la frequenza e la profondità che vorresti tu, ma ne parlo e mi interessa avere empatia verso di te e lottare contro tutte le forme di discriminazione di una minoranza a cui si attribuiscono idee, sentimenti, bisogni e desideri sulla base del nulla. Il punto è che non c'è scritto da nessuna parte che se parlo di X ignoro l'esistenza di Y. Una bella immagine che mi è capitato di condividere su Facebook diceva (all'incirca): "Parlare del sessismo verso le donne non significa odiare gli uomini o ignorare le loro lotte contro il sessismo. Parlare di omofobia non significa odiare chi è etero o ignorare la vicinanza di tante persone eterosessuali al mondo LGBTQIAA. Parlare di razzismo non significa odiare chi ha la pelle bianca o vederl* automaticamente come razzista. Parlare di una qualsiasi minoranza oppressa non significa odiare chi non ne fa parte o ignorare altre minoranze oppresse." E un concetto del genere non mi sembra difficile da digerire.

"Okay, ho capito che sono un gruppo oppresso e che volere gli stessi diritti di chi li ha già rispetto a loro non è prevaricare. Ma se le persone transessuali sono nate con un sesso femminile o maschile, e i bagni si dividono per sesso femminile e maschile, mi sembra proprio un capriccio da parte loro fare tanto clamore per qualcosa di così normale! Che gli costa fare uno sforzetto e andare nel bagno appropriato per il loro sesso per lo meno finché non cambiano completamente sesso?"

Costa moltissimo. Sapete, non è che si cambia sesso da un giorno all'altro, ci sono un sacco di cose nel mezzo tra terapia ormonale sostitutiva, aspetto che cambia a poco a poco, interventi chirurgici, scartoffie burocratiche, medici obiettori di coscienza, giudici poco informati e tempi di attesa biblici prima della rettifica anagrafica, ed è impossibile credere che un ragazzo FtM (Female To Male — un uomo nato in un corpo femminile) o una ragazza MtF (Male To Female — una donna nata in un corpo maschile) non siano riconoscibili prima di aver completato il percorso, o che sia possibile per loro usare il bagno per il loro sesso biologico in tutta sicurezza e senza nessun pericolo leggete questo articolo che approfondisce la situazione perché è stato scritto da un ragazzo FtM che ha scattato delle foto a se stesso nel bagno delle donne per far vedere quanto fosse fuori posto e obbligato a stare lì per una formalità controproducente. Ogni tanto costa il benessere psicofisico di una persona perché a causa della sua transessualità è vittima di bullismo, e costa il suo senso di appartenenza ad una classe, a un progetto, a un gruppo di colleghi perché viene esclusa e vessata. Ogni tanto costa la sua salute mentale perché i sotterfugi a cui una persona deve ricorrere per non essere scoperta, anche quando va nel bagno adeguato al suo sesso, la portano a vivere in un clima di terrore. Ogni tanto costa la felicità di una persona perché prima dell'agognata rettifica anagrafica a causa del suo nuovo aspetto deve scegliere se farsi cacciare da un bagno o dall'altro, e sentirsi "una cosa mezza" è orribile e disumanizzante. Ogni tanto costa addirittura la vita, come provano gli omicidi e i tentati omicidi di persone transessuali che dovevano andare al bagno fuori di casa e sono incappate in chi le vedeva come degli oggetti sessuali da usare e di cui abusare, che con la loro stessa esistenza "si sono meritate qualsiasi violenza contro di loro". E vi do un indizio: quelli che hanno ucciso o provato a uccidere, sia in senso metaforico che letterale, non erano transessuali e anche loro credevano che i loro bisogni fossero tutti capricci.

Anche se non mi permetterò di dare per scontato che anche voi lo fareste, vi voglio solo mostrare un caso estremo di dove questo genere di ragionamenti può condurre.

"E a chi deve condividere il bagno con loro nessuno ci pensa? Come si dovrebbero sentire le donne che condividono il bagno con una donna con il pene?"

L'ho messa al femminile perché è una delle obiezioni più comuni delle donne, ma anche il maschile potrebbe essere valido. Ora illuminatemi: quante vagine avete visto quando siete andate al bagno? Di norma le donne che lo usano la fanno vedere a tutte (a meno che non intendiate "bagno" come "luogo dove rimorchiare come nei film porno" e non organizziate festini orgiastici al suo interno…) o si chiudono in uno dei gabinetti, fanno le loro "cose", si rivestono e riaprono la porta prima di andarsi a lavare le mani? Solo perché una ragazza è transessuale non c'è scritto da nessuna parte che sia un'esibizionista, anzi, spesso la disforia di genere l'ha resa talmente insicura che è probabile che se avesse l'occasione di condividere il bagno con voi sarebbe molto più riservata di voi e impiegherebbe diverso tempo a sciogliersi. E anche se una ragazza MtF non corrispondesse alla descrizione, perché non sono tutte uguali, tutte le donne esibizioniste e che si comportano male vanno allontanate, non conta cos'abbiano in mezzo alle gambe. Ma se date per scontato che chi ha il pene sia automaticamente esibizionista, avete un po' di problemi oggetto di analisi di origine freudiana che non dovrei essere io ad approfondire…

"Così sarebbe facilissimo per gli uomini che vogliono stuprare le donne spacciarsi per MtF ed entrare nel loro stesso bagno, quando sono vulnerabili e in uno spazio riservato, per abusarne sessualmente! Come fai a condonare una cosa simile?"

Non la condono perché è una STRONZATA. Dimostra soltanto che chi fa questa obiezione non ha idea di tutte le lotte che una persona transessuale deve affrontare per avere il diritto di usare il bagno appropriato per il suo genere, di quanto sia difficile in Italia avere una diagnosi di Disforia di Genere (ex DIG, Disturbo dell'Identità di Genere), di quanto le richieste di una persona transessuale vengano passate al setaccio alla ricerca della più piccola contraddizione e di come in generale debbano subire un processo per ogni piccola cosa. Se vi fanno tanta paura gli uomini predatori sessuali, preoccupatevi di quelli e cercate di non commettere mai l'errore di includerci anche le donne MtF — laddove la parola chiave è "donna" e non "MtF".

"E quando si tratta di adolescenti FtM e MtF? Chi penserà agli altri ragazzini che guardandoli potrebbero essere confusi, turbati e diventare transessuali?"

Mi sembra la stessa obiezione che pongono davanti agli adolescenti e alle adolescenti omosessuali, e proprio come l'orientamento sessuale non è una scelta o una malattia orrenda che ti si può attaccare con troppa esposizione diretta, non lo è l'identità di genere. E la confusione e il turbamento derivano dall'ignoranza, dalla paura di ciò che non si conosce, e dalla convinzione che sia strano, deviato, anormale e pericoloso, e a una cosa del genere si può sempre porre rimedio rispondendo con calma e apertura mentale a qualsiasi domanda. I ragazzi FtM e le ragazze MtF sono ragazzi come tutti gli altri, non sono pericolosi a prescindere, e se ci si informerà sulla loro condizione sarà molto più facile allacciare rapporti in pace e in armonia. Sarà una ricchezza e mai un impoverimento, e ne guadagneranno anche gli adolescenti cissessuali. Anche in quei momenti di complicità e cameratismo che spesso si condividono al bagno. 😉

"Ma non sarebbe più semplice creare un terzo bagno per transessuali, invece di scomodare gli spazi riservati a uomini e donne??"

Vi potrebbe meravigliare, ma per me è un'obiezione quasi del tutto sensata. Se non fosse che transessuali e queer (a proposito, vi invito a leggere anche di loro e delle loro lotte, l'ombrello transgender racchiude più di una realtà rispetto a quella delle persone transessuali) non sono la stessa cosa e che per molte aziende e scuole sarebbe più dispendioso creare un terzo bagno rispetto al permettere ad alcune persone di usarne uno dei due già esistenti. E mi fa solo pensare che vogliate schiaffare questi strani individui che sarebbero le persone transessuali lontano anziché permettere loro di mescolarsi ai "normali", invece di preoccuparvi di sottigliezze economiche.

"E se fosse un ragazzo FtM a voler usare il bagno degli uomini col rischio di essere violentato da qualche maniaco sessuale, dovrebbe essergli permesso anche se non è per niente sicuro?"

Sì, se è questo il suo vero desiderio. La sicurezza che lui ha acquisito nel percorso che sta vivendo soprattutto dentro di sé, la sua consapevolezza dei propri limiti e dei propri bisogni e di come bilanciare le due cose, la volontà di essere libero di esprimersi come preferisce a prezzo di qualsiasi sacrificio, di cadere e rialzarsi grazie alle sue forze, di imparare ad essere responsabile di se stesso senza addossare la colpa agli altri e di potersi riappropriare della sua identità maschile anche al di fuori di se stesso sono tutte cose più importanti della vostra percezione di sicurezza. E anche della convinzione radicata di qualcun* che lui non sia un uomo a tutti gli effetti e che un uomo nato in un corpo maschile sia quasi matematico che sia un molestatore…

"Quello che in realtà le persone transessuali vogliono è omologarci cancellando le nostre sane e naturali differenze, ma poi sono loro stesse a non voler essere uguali agli altri, e la contraddizione interna al principio di uguaglianza di cui parlavamo all'inizio rimane, che ti piaccia o no! Adesso come ribatti?"

Scrivendo prima di tutto che rendere nota la propria esistenza come gruppo oppresso e lottare per i propri diritti non significa volere un trattamento di favore, e che come non mi stancherò mai di ripetere, accusare di autoghettizzazione un gruppo oppresso solo perché sta parlando di una parte di sé oggettivamente oppressa non è la stessa cosa di avere delle prove inconfutabili che quel gruppo si isoli dal resto del mondo guardandolo con disprezzo. 

Scrivendo che la propria stessa esistenza come essere umano non dovrebbe essere un insulto ma una celebrazione delle differenze individuali che non sono minacciate solo perché ci sono alcune persone che hanno delle caratteristiche in comune, sennò non potremmo fare più gruppi di nulla, neppure di quelli con i capelli bruni che vorrebbero avere uno shampoo specifico per i loro capelli in commercio, senza che riconoscere questa caratteristica in comune tra di loro minacci la collettività e chi usa altri prodotti per capelli o uno shampoo neutro.

Scrivendo che le persone transessuali sollevano delle domande che fanno girare la testa a chi di fatto sostiene l'essenzialismo di genere nel pensare che uomini e donne siano irresistibilmente attratti e irrimediabilmente agli antipodi e che su alcune caratteristiche stereotipate (forte/debole, azzurro/rosa, conquistatore/conquistata, soggetto attivo/oggetto passivo, aggressivo/docile, coraggioso/vigliacca, dominante/sottomessa, interventista/pacifista, accudito/accudente, discolo/tranquilla) si debba reggere l'ordine dell'universo o sennò il mondo stesso sprofonderebbe nel caos, e che se solo si andasse oltre ci si accorgerebbe che le persone transessuali, assieme alle persone LGBT, non vogliono omologare gli altri al loro stesso stile di vita quando chiedono di essere trattate da persone, ma anzi far capire che oltre agli stereotipi descritti qui sopra esistono altre sfumature dell'essere umano altrettanto belle e di valore, e che appurarne l'esistenza non significa rinunciare alla propria identità. Significa solo renderla più ricca, avere più consapevolezza e libertà anziché più ignoranza e restrizioni, e connettersi con altri esseri umani in maniera più completa.

E cogliendo l'occasione per ricordare che le persone transessuali — assieme a tante altre minoranze discriminate –, anche se dal punto di vista linguistico potrebbero creare confusione quando parlano di uguaglianza, non desiderano l'uguaglianza ma la parità.

E da un punto di vista logistico, se fate vostro il concetto secondo cui la vita dovrebbe essere qualcosa di più della somma delle sue parti, e dovrebbe essere un unico, fluido viaggio come individui unici e irripetibili alla scoperta di noi stessi e del mondo che ci circonda, cercando di fare qualcosa di buono e onesto e di dare a noi stessi e agli altri meno falsità, meno barriere, meno incasellamenti, meno mutilazioni, meno violenze, meno paletti e meno gabbie mentali, capirete cosa intendo.


Mi sono accorta che questo articolo che sono riuscita a partorire mi è venuto più serio e diretto che accomodante e diplomatico: a quanto pare tra Io e Me è stata Me ad avere il sopravvento. Ma se vi fosse piaciuto nonostante tutto, e nonostante le battute che potremmo fare sulle due parti di me in conflitto, condividetelo e mi renderete felice. :)

Cos’è il Gender?

Ho scritto alcune cose su Facebook che ho deciso di pubblicare pure qui, nella speranza di facilitarne la diffusione:

Ci provo, per l'ennesima volta, a chiarire qualche termine.


L'IDEOLOGIA DEL GENDER non esiste, nel senso che non esiste nessun complotto atto ad omosessualizzare la società, convertire i bambini al lato oscuro spingendoli ad una sessualizzazione precoce e facendogli scoprire l'autoerotismo (lo scopriranno da soli, cari genitori, non abbiate dubbi su questo, anche se cercherete di fargli credere alla storia della cicogna finché non saranno maggiorenni…) e renderci una società caotica destinata a distruzione e rovina.
Esistono alcuni termini che sono stati stravolti e inseriti in un'accozzaglia di informazioni frammentarie, inventate o distorte per creare il panico nei genitori giustamente preoccupati del benessere della loro prole.

IDENTITA' SESSUALE/SEXUAL IDENTITY: Anche se viene usata spesso al posto di "orientamento sessuale"/"tendenze sessuali", non significa "sono omosessuale o eterosessuale o bisessuale o pansessuale o demisessuale o asessuale". Significa tutto quello che attinge alla sfera sessuale di un individuo (identità di genere, sesso biologico, orientamento sessuale, espressione di genere), e non è diversa dalla parola SESSUALITA'. Accorpa tutto quello che un individuo può essere, quindi ad esempio la MIA identità sessuale è di "una ragazza (identità di genere) nata col corpo di una ragazza (sesso biologico) che si innamora ed è attratta da uomini e quindi è eterosessuale (orientamento sessuale) e in quanto alla femminilità non è né super femmina né un maschiaccio (espressione di genere)". Ed è talmente obsoleta che in inglese non la usa quasi più NESSUNO, perché crea solo confusione ed esistono un sacco di termini più specifici e più precisi.

SESSO BIOLOGICO/BIOLOGICAL SEX: L'insieme di caratteristiche anatomiche con cui una persona, qualsiasi persona, viene al mondo. Anche se le religioni ebraica e cristiana dicono che "Maschio e femmina Dio li creò", persino la scienza riconosce che oltre al sesso maschile e al sesso femminile esistono le persone intersessuali, quelle che hanno cromosomi che non sono né XY né XX (sindrome di Klinefelter, sindrome di Turner, pseudoermafroditismo maschile o femminile), e che ogni tanto nascono con entrambi i genitali o caratteristiche di tutti e due i sessi, e che dal momento che nella nostra società sono viste come scabrose, da nascondere e da evitare, subiscono la violenza di avere i loro genitori che tirano a sorte, decidono se crescerle come maschi o come femmine e le privano di una parte delle loro caratteristiche anatomiche asportandole chirurgicamente quando le persone intersessuali non sono abbastanza grandi per decidere da sole. Per la cronaca, l'intersessualità è un insieme di VARIE possibilità di alterazioni cromosomiche, e quindi, dal momento che racchiude più realtà, non è un "terzo sesso", e sempre per la cronaca, NESSUNO vuole far diventare i vostri figli intersessuali.

GENERE/GENDER: Oddio, Oddio, tremate, tenetevi forte, prendetevi lo spray per l'asma, prendete il defibrillatore, adesso vi dirò cosa sia questa pericolosissima parola! Il genere è un concetto nato in sociologia che designa i ruoli sociali dati al maschile o al femminile. E' quell'insieme di convinzioni e convenzioni che determinano cosa per noi sia "un uomo" e cosa per noi sia "una donna", e che suddividono il genere umano in genere maschile e genere femminile. Descrivono le caratteristiche psicologiche che secondo noi hanno gli uomini in comune tra di loro o le donne in comune tra di loro, come gli uomini si dovrebbero vestire per essere identificati in quanto uomini e come le donne si dovrebbero vestire per essere identificate in quanto donne, ecc. ecc. Il genere non è un concetto UNIVERSALE (ad esempio, in altre culture nessuno vede niente di strano in un uomo che si trucca o si depila, mentre nella nostra cultura sono cose quasi obbligatorie per le donne e opzionali e talvolta bizzarre per gli uomini) e non è un concetto ETERNO (ad esempio, all'epoca degli Antichi Romani un uomo che metteva una toga con tanto di gonnellino era normale, mentre al giorno d'oggi nella nostra stessa Italietta le gonne sono per le donne e un uomo che ne mette una è un'anomalia, e un sacco di gente prende in giro la Scozia perché gli uomini in alcune occasioni indossano il kilt). Anzi, più si indaga con i "gender studies" (gli studi sul genere, sempre nati in ambito accademico e sociologico) sul genere più si scopre che molte delle caratteristiche che attribuiamo a uomini e donne sono arbitrarie e costrutti sociali, e che il sesso biologico che determina in modo certo e inattaccabile le differenze fisiche tra maschi e femmine non sempre determinerà in modo certo e inattaccabile le differenze psicologiche, morali e comportamentali tra uomini e donne.
Dal genere sono nate le definizioni di stereotipi di genere, i ruoli di genere, le norme di genere, l'essenzialismo di genere, la violenza di genere, l'educazione di genere e un sacco di altre definizioni che non mi addentrerò a spiegare perché sarebbe troppo lungo, ma che ai fini del nostro discorso servono a farvi capire che IL GENDER non è un mostro a tre teste, e che in italiano abbiamo un bellissimo equivalente, IL GENERE, che potremmo cominciare a usare, se siamo così preoccupati che la lingua italiana scompaia e che siamo stati colonizzati dal mondo anglosassone.

IDENTITA' DI GENERE/GENDER IDENTITY: Uuuuuuh, aiuto, continuate a tremare, ho scritto di nuovo la parola "gender". Beh, cosa sarà mai questa spaventosa parola? L'identità di genere è "quello che sentiamo di essere", uomini, donne o (in alcuni casi molto rari che NON verranno insegnati a scuola ai vostri pargoli) un misto di tutti e due o nessuno dei due. Non esiste una "identità gender" gay perché essere gay è un orientamento sessuale e sicuramente non esiste una "identità gender" transessuale perché una persona transessuale si identifica o come un uomo o come una donna. Anzi, vi dirò di più: TUTTI abbiamo un'identità di genere, anche se fino a dieci minuti fa non conoscevamo questo termine. Anche io che sono nata biologicamente donna sento di essere una donna (identità di genere), perché il mio sesso biologico è allineato con il mio genere (femminile). Invece le persone transessuali hanno il sesso biologico in collisione con il genere (magari una persona che si identifica come donna è nata nel corpo di un uomo, o una persona che si identifica come uomo è nata nel corpo di una donna), e per riallineare il corpo con lo spirito devono cambiare sesso.

ORIENTAMENTO SESSUALE/SEXUAL ORIENTATION: L'attrazione fisica e sentimentale che tante persone provano per i membri dello stesso sesso e/o genere (omosessualità), dell'altro sesso e/o genere (eterosessualità), tutti e due i sessi e/o i generi (bisessualità/pansessualità), nessun sesso e/o genere (asessualità) o qualsiasi sesso e/o genere per pochissimo e solo se si creano le condizioni adatte (demisessualità). Anche se nella nostra società per secoli tutto quello che non era eterosessualità è stato vessato, oppresso, cancellato, nascosto, punito, ucciso e discriminato, in altre società chi non è etero non è visto a prescindere come una persona perversa, promiscua, definita solo dal numero di persone che si porta a letto, pedofila e intenzionata a prendere possesso del governo per estinguere il genere umano, e viene riconosciuto che tutte queste cose sono CALUNNIE. E anche se è indubbio che un uomo e una donna che vanno a letto insieme (a meno che non abbiano problemi riproduttivi o non usino precauzioni) possano procreare mentre chi è omosessuale non possa (a meno che non ricorra alla fecondazione assistita o non usi il "vecchio metodo" con una persona del sesso opposto), non c'è scritto da nessuna parte che l'eterosessualità sia equilibrio, bontà e fertilità a prescindere e l'omosessualità sia squilibrio, malvagità e sterilità a prescindere. Oltretutto l'orientamento sessuale, qualsiasi orientamento sessuale, NON C'ENTRA UN CAZZO con l'identità di una persona, perché ha a che fare con "chi desidero e amo al di fuori di me" e non con "chi sono". Quindi una donna lesbica non è meno donna di una donna etero, e un uomo gay non è meno uomo di un uomo etero, e un uomo o una donna bisessuale o pansessuale non è una creatura nel mezzo che deve decidere se essere uomo o donna, e un uomo o una donna asessuale o demisessuale non è una specie di essere indefinito che si trattiene per un tabù religioso, ma una persona che davvero non ha interesse o ha scarsissimo interesse per il sesso e per l'amore.

ESPRESSIONE DI GENERE/GENDER EXPRESSION: Il modo in cui una persona decide di esternare il proprio genere di appartenenza, quindi il modo in cui una donna (sia che sia nata col corpo di una donna sia che sia nata col corpo di un uomo) decide di dimostrare il suo sentirsi donna e il modo in cui un uomo (sia che sia nato col corpo di un uomo sia che sia nato col corpo di una donna) decide di dimostrare il suo sentirsi uomo. C'entra con le convinzioni e le convenzioni che attribuiamo al genere maschile e al genere femminile nella nostra società, ma non è strettamente collegato all'orientamento sessuale di un individuo. Ad esempio, io che sono una ragazza etero non sono meno donna di altre perché mi trucco pochissimo, preferisco le scarpe basse perché i tacchi non li so portare, ho uno scarsissimo interesse per i bambini, vedo come finte e melense quasi tutte le commedie romantiche e mi sento più a mio agio con jeans e maglietta, e non sono più donna di altre perché amo i capelli lunghi, le magliette e i pantaloni con un taglio un po' più femminile di una t-shirt o un jeans unisex, mi piace cucinare anche se non sono una cuoca provetta, non mi piace fare a botte ma preferisco risolvere un problema con il dialogo e sono scarsa in matematica. E ci sono un sacco di ragazze bisessuali o lesbiche più convenzionalmente maschili di me o più convenzionalmente femminili di me senza che il modo in cui esprimono il loro genere femminile, il loro sentirsi donne, influisca sulla autenticità del loro essere donne. Possiamo stare qui a dibattere per secoli sul fatto che essere accusati in quanto omosessuali di non essere "veri uomini" o "vere donne" abbia reso più libere e meno tradizionalmente virili o femminili alcune persone, ma il discorso non si sposta di una virgola. Se una persona si identifica come uomo/donna, è un uomo/una donna, e non cambia idea perché un giorno si veste di rosa e uno di azzurro.

TRANSESSUALITA'/CISSESSUALITA': Avete presente il discorso che vi ho fatto prima sull'avere il genere e il sesso allineati o in collisione? E' la differenza che passa tra una persona transessuale e una cissessuale. Adesso potreste fare un salto sulla sedia, ma se vi sentite uomini/donne e avete un sesso biologico maschile/femminile, siete proprio quella strana parola che ho appena menzionato, CISSESSUALI. Anche se non conoscevate l'esistenza di questo termine, significa che siete il contrario di una persona transessuale, e che molto di quello che una persona transessuale sperimenterà voi non lo sperimenterete mai, e viceversa. Significa che in un mondo dove tante persone terrorizzate dalla teoria del gender vedono chi è transessuale come un mostro, voi siete avvantaggiati perché siete visti come la norma, e che vi potete permettere di sparare a zero sul dolore e sull'odio di una persona transessuale verso il proprio sesso biologico che non combacia con la sua identità di genere senza che siate perseguiti legalmente perché siete più in alto nella gerarchia sociale, ad esempio banalizzando la questione e sfottendola con frasi come "Voglio che sulla mia carta di identità sia scritto che ho gli occhi azzurri anche se li ho marroni, per favore, non discriminatemi, io sento di avere gli occhi azzurri e se non cambiate questo dato è discriminazione." Significa che vi potete permettere di darle della pazza, della malata, della persona pericolosa e promiscua proprio come (con più fatica perché c'è meno ignoranza su questo) potete fare la stessa cosa con una persona omosessuale o bisessuale/pansessuale, che se diventerà il bersaglio delle vostre calunnie e della vostra violenza a scuola o sul posto di lavoro le sanzioni contro di voi saranno minime e se la persona transessuale otterrà giustizia sarà una cosa così rara che finirà sui giornali, e che vi potete permettere di dirle che deve farsi curare diventando cissessuale come voi, sia con un lavaggio del cervello indotto da psicologi e psichiatri sia con le intimidazioni fisiche e verbali e con gli stupri. E anche se capisco che sia ideologia credere che chi è cissessuale non sia più uomo o più donna di chi è transessuale perché quello che conta di più di un individuo non è il suo corpo ma la sua anima, la sua identità e non il suo sesso, NON è un'ideologia dire che in quanto esseri umani le persone transessuali (come chi ha un orientamento sessuale che non sia l'eterosessualità) vanno lasciate in pace e non cercate di riconvertire, uccidere, picchiare o discriminare sulla base di speculazioni azzardate e falsi miti.

Se siete arrivati fin qui senza svenire, avere un infarto o essere stati convertiti al Gender, significa che forse tanto mostruosa la verità non era, e che se non vi causa un infarto farlo potreste pure condividere quello che ho scritto e aiutare a fare un po' di chiarezza. A proposito, L'IDEOLOGIA DEL GENDER non esiste.

Alle sei del pomeriggio

Quanti di voi seguono il mio blog da diverso tempo e si ricordano di "Non credere alla finzione", il mio primo romanzo pubblicato online con licenza Creative Commons 3.0, la stessa di tutto il blog?
Vi ricorderete che all'epoca ho scritto che 
i personaggi secondari nel racconto ufficiale hanno troppo poco spazio e mostrano solo il peggio di sé, e che avrei voluto scrivere — e avevo in cantiere — una serie di one shot su di essi nella speranza di reintegrarne in minima parte la reputazione e mostrare quello che in screen non si vede, ossia un briciolo di introspezione che li renda più gradevoli.
Perciò oggi ho deciso di pubblicarne una su… Nina!
Come al solito, qualsiasi commento su questa mia piccola opera è ben accetto, purché rispettiate il Regolamento, che vi invito a leggere.
Detto questo, mi ritiro in un angolino e vi faccio leggere. Buona lettura!


Le sei del pomeriggio
(Nina) 

  Alle sei del pomeriggio, Acquarara si svuotava.
  I pullman dei turisti ripartivano per Sorrento sollevando una nuvola di polvere, le madri richiamavano i ragazzini che giocavano a pallone in piazza, i negozianti chiudevano bottega. Si rintanavano tutti nell’ombra delle loro case dai muri bianchi, per preparasi a consumare la cena, guardare la televisione, risolvere cruciverba, sferruzzare. E poi scegliere se andare a dormire alle nove e mezza o ritrovarsi di nuovo in piazza a parlare, o meglio, spettegolare del più e del meno. 
  Come se la loro vita fosse già finita, pensò Nina Salti con disprezzo, mentre tirava giù la saracinesca della sua tabaccheria. Rimase per un attimo piegata in due, gli occhi serrati, la bocca contratta; aveva sentito un’altra fitta alla schiena. Ma durò poco, quella volta, fu a malapena un’onda. Sospirando, la donna si raddrizzò, si lasciò scivolare il mazzo di chiavi nella tasca della gonna e si avviò giù per la strada silenziosa, dove l’oscurità ti avviluppava alla stregua del cappuccio di un impiccato.  
  Certo, c’era stato un tempo in cui queste cose non le sembravano così intollerabili. Un tempo in cui percorreva quella strada senza badare al silenzio, perché era troppo impegnata ad ascoltare i discorsi di Qualcun Altro. Un tempo in cui quasi non vedeva l’ora di tornare a casa a cucinare, e qualunque cosa avesse fatto quella sera le sarebbe andata a genio. Quando era sposata con Luigi.
  La madre di Alessandro svoltò a destra, nel vicoletto semibuio che conduceva alla piazza. Alcuni piccioni becchettavano avanzi di salatini accanto al bidone della spazzatura. Li sorpassò, continuando a ricordare Luigi.
  Lei aveva sempre avuto una cotta per lui, da ragazzina. Non l’aveva confessato a nessuno, ma quando lui era partito per Roma, intenzionato a diventare un fuoriclasse nello sport, Nina si era sentita abbandonata come se fossero davvero fidanzati. Eppure non si era mai illusa; si diceva che erano troppo diversi. Lui così gioviale, aggressivo, scanzonato, il migliore in tutto… e lei così insignificante, taciturna, bruttina, brava solo nelle faccende pratiche e quotidiane. Moriva dall’invidia nel vedere le sue conoscenti comprare capi d’abbigliamento pregiati, e poi riversare gli occhi su di sé, sciatta e vestita di lana e cotone, perché sua madre aveva l’ossessione per il risparmio. Giovanna Raggia non avrebbe mai attratto un uomo, questa era stata la martellante certezza della sua gioventù; meno che mai il grande Luigi Salti.
  E invece… Dio le aveva concesso un miracolo, nel settembre del 1984.
  Luigi Salti era tornato dalla Capitale, riluttante ma con l’aria di essersela spassata quanto bastava, e aveva pensato di “ritirarsi a vita tranquilla, sistemarsi”, ora che aveva provato sulla sua pelle quanto fastidio gli suscitasse la corruzione degli arbitri e degli allenatori.
  Il fantasma di un sorriso increspò le labbra della Nina del presente. Che cosa avrà trovato in me?, si chiese per l’ennesima volta dopo anni, mentre sorpassava la macelleria di Don Gioacchino.
  Forse la cosa fondamentale era che Nina aveva saputo ascoltarlo. Appena lui le parlava era attenta, muta, seria come non era capace di essere con nessun altro; lasciava che le sue confidenze la riempissero laddove c’era un enorme vuoto interiore. Luigi era il suo tramite con il mondo di fuori, era un uomo vero che a poco a poco si era affezionato a lei. Nei momenti migliori del loro matrimonio, Nina lo aveva considerato un prodigio vivente.
  La donna rischiò di inciampare in una buca del selciato. Si sorresse alle sbarre di un cancelletto, sentendo una nuova fitta di dolore – Luigi non aveva mai avuto dolori alle giunture per il troppo poco movimento, no affatto – e tremò appena quando una raffica astiosa di vento la colpì in pieno petto.
  C’era vento anche il giorno in cui suo marito era uscito di casa per la solita corsa mattutina, e le era stato portato via all’improvviso, senza motivo, se non quello di un arresto cardiaco.
  Quanto si era sentita disperata e spenta e smorta allora, con due figli a carico, di cui uno che si era rivelato una delusione perenne?
  Alessandro.
  Nina rabbrividì di stizza, si staccò dal cancelletto e continuò a camminare con rinnovata energia. Alessandro, così amorfo, grasso, insignificante. Un alienato, un disastro negli sport, il peggiore in tutto. Ma quel pomeriggio lei gliele aveva suonate di santa ragione, oh sì. Un altro quattro in italiano – e dire che blaterava tanto di voler fare lo scrittore! – e un’altra delusione.
  Calciò via una lattina vuota che le si parava sulla strada.
  Non era solo Acquarara a svuotarsi alle sei del pomeriggio. Anche Nina Salti lo faceva, tirando le somme della sua semivita.  

Recensione | Film | Due ragazze innamorate

Titolo originale: The Incredibly True Adventure Of Two Girls In Love  
Titolo italiano:  Due ragazze innamorate 
Regista: Maria Maggenti   
Interpreti: Laurel Holloman, Nicole Parker, Kate Stratford, Nelson Rodriguez, Maggie Moore
Anno: 1995
Lingua originale: Inglese 
Genere: Drammedia, Coming of Age
Sceneggiatura: Maria Maggenti 

Casa di produzione: New Line Cinema, Smash Picture
Musiche: Terry Dame

Adorabile. C’è una sola parola per esprimere al meglio questo film: adorabile. È il classico film che decidi di guardare una sera in cui non hai nulla da fare, appena compaiono i titoli di testa sullo schermo/senti la colonna sonora/assisti a certi shot lo trovi alquanto amatoriale, a mano a mano che la narrazione procede lo consideri "carino" e "fresco"… e ciononostante ti lasci sedurre da storia e personaggi, dalla sua aria da pièce teatrale e al contempo commedia romantica un po' fuori dagli schemi, ti ci affezioni, e completi la visione con un sorriso sincero stampato in volto. Era proprio quello di cui avevi bisogno, ti ha regalato allegria, emozioni e speranza, è stata un'esperienza sicura ma euforizzante. Un po' come il primo amore per alcune persone

Perché di questo si tratta qui: primo amore, nella fattispecie un primo amore gay, ma che viene vissuto dalle protagoniste come una qualsiasi storia romantica (illuminante è Evie che dopo aver fatto coming out con le amiche specifica "Non vi ho detto di essere gay, vi ho detto che mi sono innamorata"), anche se inframmezzata da angosce per il futuro, problemi familiari agli antipodi, scuola che sembra un penitenziario e relazioni umane in bilico. E per quanto il finale del film sia abbastanza aperto, come spettatrice puoi sperare il meglio per le ragazze persino abbandonandoti all'ideologia del "sarà quel che sarà". 

Protagonista assoluta della vicenda è Randy Dean, una diciassettenne cresciuta dalla zia Rebecca quando la madre fanatica religiosa l'ha abbandonata per portare avanti la sua causa antiabortista nel mondo. Sia Randy sia Rebecca sono lesbiche (a casa di Rebecca peraltro vive anche la sua compagna), e questo fa di Randy un'emarginata, sfottuta persino dai professori che la accusano di essere una perditempo con la testa tra le nuvole, allontanata dai compagni che la giudicano una poco di buono e una che "ostenta la sua sessualità" solo per avere un look tomboyish, e con un unico amico a tenerle compagnia durante le ore passate alla "prigione di Wallace".

Di primo acchito Randy dà l'impressione di un'adolescente che pensa con la sua testa e non si lascia piegare da nessuno, inafferrabile ed energica come una delle canzoni di Billie Holiday (la sua cantante preferita), e talmente sicura di sé da non aver problemi a sedurre una donna sposata né a sopportare il bullismo giornaliero… ma andando a scavare scopriamo un personaggio stanco della sua vita, semidepresso, che non riesce a concentrarsi sui doveri scolastici e cerca nei suoi flirt con Wendy, nelle ore passate a lavorare alla pompa di benzina della sua amica Regina, nei suoi ciclici esercizi con la chitarra, una via di fuga. Non credo di fare un volo pindarico nell'affermare che Randy vorrebbe essere una delle supereroine che disegna di continuo, anche sui quaderni che dovrebbe riempire di cose più concrete, che vorrebbe avere la situazione in pugno ogni volta (esemplificativa è la scena nel motel con Evie in cui iniziano a litigare: si sta intestardendo a trovare una soluzione perché vuole dimostrarsi all'altezza, e per lo stesso motivo si sta focalizzando solo sui suoi rovelli personali dimenticando quelli dell'altra). Eppure ho gradito un sacco l'interpretazione di Laurel Holloman: è stata capace di non renderla eccessivamente "tosta" e astiosa, bensì buffa, ironica, disincantata e, manco a dirlo, adorabile. 

Altrettanto adorabile è la coprotagonista, Evie Roy, che malgrado abbia la stessa età di Randy e frequenti la stessa scuola non potrebbe essere più diversa: tranquilla, posata, riservata, sorridente e con una paura matta di fallire, restia a lanciarsi in qualunque impresa e allo stesso tempo piena di voglia di vivere, di esplorare, di cercare. Ma siamo sicur* che Evie e Randy siano così diverse? E se Evie indossasse soltanto una maschera da Uptown Girl dal carattere di una Girl Next Door, maschera di cui si accorge pure Randy ("Quello che mi attira di lei è che non è ciò che sembra") e che la loro relazione contribuisce a far cadere? 

Evie non sarà depressa, ma ha sicuramente molti problemi in vita sua, primo fra tutti un'ansia spropositata (da qui il terrore di fallire) che le ha generato in parte la madre in parte il suo paranoico primo ragazzo, Hayjay. Evie sente la pressione in una maniera dalla quale Randy è messa al riparo, "protetta" dal suo status ai margini della gerarchia sociale. Evie ha la sensazione di dover sempre dimostrare qualcosa a qualcuno, e se non riesce a fronteggiare la situazione, come le capita la maggior parte delle volte, tira fuori un senso dell'umorismo autolesionista misto a cortesia eccessiva ("Oh, grazie, grazie infinite di avermi aiutata, io sono così imbranata", "Sono troppo ansiosa, tu sei molto più in gamba di me"); la tipica paura di non piacere che nasce quando non ci piacciamo noi stessi

Tuttavia, Evie non è solo la tipa che ti abboffa di chiacchiere nervose; è incline all'ascolto e alla memoria, tenta di giudicare il meno possibile e ha una mentalità decisamente più aperta della gente che la circonda. Evie è prontissima a lasciarsi andare con Randy e ad amarla, e non ha proprio voglia di comprimere dentro di sé la sua felicità, al punto da raccontare alle sue amiche di stare con una ragazza e affrontare i loro rifiuti. Col cuore spezzato, certo, ma a testa alta, perché è convinta di non aver fatto nulla di male. Si sente la stessa persona di prima, solo più felice. E, heck, anche Randy si sente più felice con lei, visto che supera la sua depressione e alla fine della storia si promettono di rimanere insieme e di risolvere qualsiasi problema si pari loro davanti. 

Se dovessi scegliere il mio pg preferito tra le due direi che Randy batte Evie di poco, mostly per l'interesse che mi genera; Evie è più una in cui mi identifico, Randy è più una che mi attira

Per quanto riguarda il rapporto tra le due protagoniste… definirlo adorabile ne impoverisce il valore effettivo e gli sottrae parecchia profondità. Di rado una relazione mi ha toccata in questo modo al cinema, non importa se omo o etero, e più giù, quando mi metto ad elencare le mie scene preferite di questo film, confesso di aver fatto una selezione bestiale, perché per quanto mi riguarda quasi ogni singola interazione tra Randy e Evie è qualificabile come la mia scena preferita.

L'intero rapporto di Evie e Randy è improntato sulla conoscenza reciproca: a dispetto delle affermazioni delle amiche cretine di Evie ("Comunque non credo proprio che sia il tuo tipo, secondo me non sa neanche leggere!"), Randy è sensibile all'arte e legge con interesse e diletto il libro di poesie che l'altra le ha prestato ("Foglie d'erba" di Walt Whitman, che Evie le ha prestato dopo aver saputo da Randy che Randy ama starsene sdraiata sull'erba fresca e respirarne l'odore), tanto che alla fine del film diventa la loro "Bibbia", il fondamento del loro amore; malgrado alle due piacciano generi musicali diversi — il rock n' roll e la musica classica — attraverso la musica raggiungono entrambe un posto tranquillo in cui si liberano di ogni emozione negativa (e quando si scambiano le cuffie per ascoltare l'una i CD dell'altra è di sicuro un'esperienza di crescita); parlando, si accorgono di avere le stesse convinzioni sulla vita di coppia ("La gente dovrebbe agire per amore, non per obbligo"), e al di là di quello, parlano di qualsiasi cosa — come pensano di essere a trent'anni, il fatto che sperano di stare ancora insieme una volta arrivateci, le materie che preferiscono a scuola e il modo in cui libri interessanti vengono censurati e stravolti privando gli studenti delle parti più succulente… 

E quando non parlano ma agiscono e basta? La maniera in cui si toccano è sempre delicata, paziente, spensierata e sbarazzina. Può essere un bacio sul naso o una piroetta, un appoggiare la testa in grembo all'altra o uno scompigliare i capelli, una danza assieme o una bevuta di vino incrociando le braccia che reggono il rispettivo bicchiere, un semplice tenersi per mano e un bacio che comincia leggero e arriva ad un coinvolgimento totale. 

Infine, "Due ragazze innamorate" ha il pregio di mostrare una relazione così bella in cui non mancano occasioni di lite (chi ha letto "Non credere alla finzione" e conosce le mie opinioni in merito sa che rimpiango un sacco di non aver fatto litigare in screen Angela e Alessandro…). This said, neppure nei momenti in cui si dimostrano insensibili l'una verso l'altra, ognuna concentrata sui propri problemi, la faccenda dura granché; la loro unione è forte e stabile, e le affinità sono di gran lunga maggiori delle differenze. 

Stringi-stringi sugli ultimi quattro paragrafi: Ho visto molti film in cui c'è una storia d'amore in primo piano e nonostante tutto lo screentime dedicato ad essa mi sono ritrovata a domandarmi se i personaggi si amassero sul serio — invece qui non ho il minimo dubbio, e trovo l'amore che le lega meraviglioso e invidiabile, nonché tenerissimo. 

Anyhow, mi rendo conto di essermi dilungata troppo sul legame delle protagoniste, essendo l'aspetto del film che ho adorato, perciò mi fermo qui e passo agli altri personaggi. ^^' 

Partendo dal parentado, abbiamo la zia Rebecca, una donna mascolina, dal piglio deciso e (ma questa è un'interpretazione mia) molto preoccupata e in ansia per la nipote. Credo che Rebecca sia molto legata a Randy, e che la sua severità sia solo un riflesso del terrore che gliela portino via, dal momento che la situazione familiare è agli occhi del mondo esterno molto confusa. Ciò non significa che non sia capace di pacatezza, come quando tenta di calmare la madre di Evie dopo che le due ragazze hanno passato la notte insieme riducendo la casa di Evie in condizioni pietose. A stemperare ulteriormente la sua seriosità c'è la sua compagna attuale, Vicky, una donna ironica e un po' svampita che, proprio come Randy, aveva bisogno di un posto dove stare e di un cuore generoso che glielo concedesse. Anche se quando arriva Lena, l'ex gentile e sorridente ed esperta di boxe di Rebecca, Vicky ne è gelosa e passano i tre quarti del film a litigare sullo sfondo, con piccole punzecchiature che non arrivano mai a uno scontro tremendo — anche se ho apprezzato particolarmente il fatto che, non appena si scopre che Randy non abbia i voti necessari per diplomarsi, entrambe si trovino d'accordo per la prima volta e tentino di placare Rebecca. xD Passando alla famiglia Roy, abbiamo una figura molto più controversala signora Roy, per certi versi simile a Erica Sayers del Cigno Nero. Da un lato è genuinamente affettuosa e premurosa verso Evie — anche troppo, la spupazza in una maniera quantomai inappropriata per una diciottenne, e benché Evie ricambi il suo amore, più volte le chiede perché trovi così difficoltoso pensare che voglia emanciparsi –, ma dall'altro è repressiva, le ha impedito di crescere del tutto, si irrita da morire all'idea che la figlia possa avere una vita privata/nasconderle qualcosa e se Evie si "ribella" un po' troppo per i suoi standard passa alle minacce velate e non. Nel complesso non sembra una mamma da arrestare, assolutamente u________u Si avverte che tiene tantissimo ad Evie, che tenta di bilanciare il tempo con lei al suo prestigioso lavoro che la costringe a conferenze anche il giorno del diciottesimo compleanno della figlia, presentandosi in anticipo di nuovo a casa per farle una sorpresa; è solo che non sa quale sia davvero il bene di Evie. 

Altro personaggio abbastanza importante nell'economia della storia è Frank, adolescente gay occhialuto e dall'aria sfigatella che fa da contraltare alla sua migliore amica, Randy (Masculine Girl, Feminine Boy, anyone?). Purtroppo non mi è piaciuto il lavoro che abbia fatto Maria Maggenti con lui: nonostante venga rimarcato che passa un sacco di tempo a casa Dean non lo vediamo manco una volta lì (Show, don't tell gettato alle ortiche…), il suo unico proposito nella storia è di aiutare Randy a raggiungere i suoi scopi romantici e non e nel frattempo fare da spalla comica, e l'unico brandello di vita autonoma che abbia è di avere tutte avventure da una botta e via con ragazzi (Randy dice che Frank "parla solo di culi"), perché si sa che gli uomini pensano solo al sesso e non sono capaci di avere una storia dolce e tenera e adorabile. On top of that, nel climax tradisce pure Randy rivelando alla zia e alla madre di Evie infuriate che le due si sono nascoste nel motel Tal dei Tali in attesa di capire come fare a risolvere la situazione — la casa di Evie a soqquadro, la signora Roy che le ha scoperte a letto insieme e ha urlato di tutto, i voti troppo bassi di Randy che non le consentono di diplomarsi, le amiche di Evie che la evitano come la peste adesso che ha una ragazza, ogni loro bugia svelata. C'è chi direbbe che Frank abbia fatto quello che era più giusto per calmare le ansie genitoriali delle donne, e mi sta bene; quello che non mi sta bene è che nel processo ci faccia la figura del vigliacco cedendo all'istante. Certo, mentirei se scrivessi che Frank non mi piaccia come pg: è divertente a modo suo, con quella sua aria da secchione e da outsider, un po' paterna un po' arrogantella un po' bonaria. Avrei semplicemente gradito che fosse sviluppato di più, nell'indole, nel suo ruolo nella vicenda e nella sua sfera affettiva indipendente da Randy. 

"Due ragazze innamorate" ha inoltre un pg che all'inizio sembra pessimo ma si rivela migliore nel finale: Wendy, una donna di quasi trent'anni capricciosa, frivola e con manie di protagonismo che ha rappresentato il primo flirt di Randy. Le piace tenere gli altri sulla corda e farli ballare come vuole, non appena Randy smette di starsene "sotto il suo schiaffo" lei si vendica spifferando della loro tresca con Alì (suo marito, che non mi risulta difficile immaginare abbia sposato solo per i soldi…) e dopo si precipita alla pompa di benzina tentando di calarsi nei panni dell'adulta angosciata e calorosa verso il suo tesoruccio bistrattato. Quando vede che le gira male perché Randy è felice con Evie scompare dalla storia per un po'… ma nel momento in cui le due sono nei guai e non sanno come pagarsi la stanza di motel accorre subito in loro aiuto; suppongo che l'abbia fatto per sentirsi di nuovo protagonista ed eroina, per solidarietà umana/cameratismo femminile, per un affetto residuo verso Randy, perché trovava divertente la situazione di due fuggiasche e ci riconosceva qualcosa di sé e della sua libertinaggine… anyhow, ho apprezzato e me l'ha fatta risalire nelle quotazioni. =) 

Speaking of the great finale… quello ha qualcosa di farsesco ed è il momento in cui si sente di più il tocco teatrale di questo film. Si sono radunati tutti i conoscenti di Randy e Evie fuori dal motel che le esortano a venire fuori, l'ansia è alle stelle, la tensione si taglia a fette, ognuno di loro ha i suoi battibecchi all'esterno, Randy e Evie hanno litigato e rifatto l'amore e adesso devono decidere con che faccia uscire e affrontarli uno per uno… e noi come spettatori non possiamo fare altro che pensare che le persone realmente "ridicole" e "nei guai" siano quelle che le aspettano fuori. Ho adorato come le protagoniste escano dalla porta tappandosi le orecchie per ridimensionare il baccano, si guardino negli occhi e recitino una poesia di Walt Whitman, perché non l'ho vista come un blando, sdolcinato "per me esisti solo tu"; l'ho vista come un "grazie a te sento delle cose in più, voglio continuare a sentirle, dammi la forza e resta con me". Naturalmente anche l'atto di uscire fuori, affine all'inglese "coming out of the closet" e comune ad altri film gay, è stato qualcosa di adorabile. È uno di quei simbolismi che a parer mio non perdono mai originalità, in un mondo ancora omofobico dove uscire dall'armadio (o dalla stanza di un motel) è una prova di grande coraggio. 

Mie scene preferite: 

Randy che infila un messaggio per Evie nel suo armadietto; Evie che le presta "Foglie d'erba" e finiscono a parlare di poesia e musica; Randy e Evie che ascoltano il "Dies Irae" di Mozart in macchina; la scena al bar in cui si prendono per mano; Randy che riflette su come chiedere a Evie di venire a cena a casa sua; la scena di costruzione del rapporto amoroso tra Evie e Randy; la scena di sesso; Alì che becca la macchina di Wendy nel parcheggio del motel e si mette a sbraitare.